YouTube Music è in arrivo, anche in Italia, ed anche gratis: scopriamo il nuovo servizio di streaming

0

Nasce il nuovo YouTube Music, che è esattamente ciò che dice il suo nome. Un servizio di streaming musicale, promesso anche per l’Italia, che scuote le fondamenta di Play Music e di YouTube Red. Ma andiamo con ordine, e vediamo cos’avrà da offrirci YouTube Music.

YouTube Music promette infatti di farvi ascoltare, vedere e scoprire i brani di oltre 2 milioni di artisti. Pensatelo infatti come un Play Music potenziato dai video della maggior parte dei brani, e (ovviamente) dalla AI. Album, centinaia di playlist, e radio a tema, si uniscono all’enorme catalogo di remix di YouTube, alle performance live, alle cover ed ai video che non trovereste altrove. Il paradiso della musica, in teoria.

Il tutto sarà servito tramite un nuova app (spiacenti: ancora niente link al download), ed un nuovo player web. La ricerca in YouTube Music sarà anche “descrittiva” (Google suggerisce di provare frasi come “quella canzone hipster fischiettata”) oppure digitando parte del testo del brano. La home screen dell’app sarà personalizzata in modo dinamico, con suggerimenti basati non solo sulla cronologia di ascolto, ma anche sulla posizione dell’utente e su cosa stia facendo. Ad esempio, se siete in aeroporto vi verranno consigliati brani rilassanti prima del volo, mentre all’entrata in palestra saranno associati brani più ritmati per aiutarvi a “pompare”.

Ed infine ci sarà particolare enfasi sulla cura delle playlist, non solo cucite su misura per i gusti dell’utente, ma anche sulla sua attività, in modo da farvi trovare la musica giusta al momento giusto.

PREZZO

Immagine 3

YouTube Music sarà anche gratis, con pubblicità; come del resto è già adesso YouTube. C’è ovviamente una versione a pagamento, anzi due, perché dobbiamo tenere in considerazione anche YouTube Red (che però probabilmente continuerà a non essere disponibile in Italia). In ogni caso, se lo schema qui sopra non fosse abbastanza chiaro, proveremo a riassumerlo ulteriormente.

  • YouTube Music gratis: pubblicità, non disponibili l’ascolto in background ed il download dei brani per l’ascolto offline
  • YouTube Music Premium: 9,99$ al mese senza alcuna delle limitazioni del punto precedente. Ovvero, potrete ascoltare la musica anche a schermo spento o con altre app in primo piano, non avrete pubblicità e potrete scaricare i brani per ascoltarli senza connessione (non è chiaro se e con quali limiti). Se foste già abbonati a Google Play Music, YouTube Music Premium è incluso nel prezzo. Al contempo (almeno per ora) Google Play Music non cambierà. Avrete tutta la musica acquistata, gli upload e le playlist di sempre. In futuro non è chiaro se e come i due servizi si uniranno in uno solo (il che sembrerebbe logico, ma trattandosi di Google…)
  • YouTube Premium: 11,99$ al mese. Include tutte le funzioni di Music Premium, applicate però a qualsiasi video di YouTube, non solo quelli musicali. Si tratta del rebrand di YouTube Red, che quindi consente l’accesso anche a tutti i contenuti originali, quali Cobra Kai, Step Up: High Water e Youth & Consequences. Il prezzo di YouTube Premium è però rincarato rispetto a quello di Red, perché include anche i servizi di Music Premium, che prima non esistevano. I già abbonati non subiranno comunque alcun rincaro.

Ancora non abbiamo i prezzi per l’Italia, ma supponiamo possano essere una conversione diretta dal dollaro, dato che Play Music già costa 9,99€.

Data di Uscita

YouTube Music sarà disponibile in USA, Australia, Nuova Zelanda, Messico e Corea del Sud dalla prossima settimana. Nelle settimane successive il servizio arriverà anche in Austria, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Potete intanto registrarvi sul sito ufficiale per ricevere una mail nel momento in cui il servizio sarà disponibile.

Google ha confermato a 9to5Google che ci saranno i piani famiglia anche sui nuovi servizi Premium, ma non ha reso noto il dettaglio dei prezzi. Dovrebbe inoltre esserci anche un abbonamento studenti, ma anche di questo non sono stati resi noti i termini.

In base a quanto riportato da Google su Twitter, gli abbonati a Play Music avrebbero sia l’accesso a YouTube Music Premium che a YouTube Premium. Questo è in contrasto con quanto inizialmente riportato e sinceramente anche un po’ controintuitivo. 9to5Google chiarisce però che questo discorso dovrebbe valere solo in USA, Australia, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Messico. Gli abbonati a Play Music in quei paesi in cui YouTube Red non fosse già presente avranno solo accesso a YouTube Music Premium, quando disponibile.

Per adesso comunque non conosciamo ancora nemmeno le cifre ufficiali in euro, quindi dovremo riparlarne tra qualche settimana, quando il nuovo servizio arriverà anche da noi; o anche prima, nel caso di comunicati per l’Italia.

 

Articolo PrecedenteTwitter sta per chiudere le app dedicate a Xbox, Roku e Android TV
Prossimo ArticoloBioetica: arriva la carta dei diritti del bambino inguaribile Per approfondire
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.