Ylenia uccisa da una donna, la mamma della vittima: “Tra loro rapporto morboso”

0
Ylenia uccisa da una donna, la mamma della vittima.

Ylenia uccisa da una donna, la mamma della vittima. “Ho conosciuto quella donna durante un pranzo a casa mia, non faceva altro che ripetere quanto volesse bene a Ylenia, ma il loro rapporto era morboso”. Così, parlando di Daniela Nicotra, la donna che lo scorso 10 dicembre ha assassinato sua figlia, la mamma di Ylenia Bonavera. “Litigavano spesso, non riusciva ad allontanarla”.

“Mia figlia spesso si lamentava di questa persona, litigava, ma non riusciva ad allontanarla. Lo scorso mese l’ho conosciuta durante un pranzo a casa mia, non faceva altro che ripetere quanto volesse bene a Ylenia, ma il loro rapporto era morboso. Mia figlia era una persona buona e a volte ingenua e questa Daniela evidentemente riusciva a influenzarla”. Così, parlando della donna che ha assassinato sua figlia, a Messina Today, Nunziatina Giorgio Piluso, la madre di Ylenia Bonavera, morta a 26 anni per la coltellata inferta da Daniela Nicotra, ora in carcere per omicidio volontario aggravato da una precedente relazione affettiva. Dopo la convalida del fermo, la donna che lo scorso 10 dicembre ha aggredito Ylenia, si trova rinchiusa nel carcere di piazza Lanza a Catania.

I fatti risalgono allo scorso 10 dicembre, quando Ylenia e Daniela sono state viste litigare animatamente all’incrocio dove le loro auto erano parcheggiate nel quartiere San Cristoforo di Catania. Mentre discutono a un certo punto Daniela va a prendere un coltello da cucina nella sua auto e in pochi istanti è addosso a Ylenia. La colpisce con un fendente tra collo e spalla, causandole un’emorragia che sarà fatale. La scena è stata ripresa da una passante con un telefonino. Ylenia viene portata in ospedale, dove muore poco dopo. Fermata poche ore dopo l’omicidio, Daniela Nicotra, 34 anni, ha detto di aver reagito perché a sua volta colpita a un occhio dalla ragazza. Non solo, si è giustificata dicendo che alla base della lite ci sarebbe stato un rimprovero per l’uso di droghe. Utilizzo che, al momento, non risulta confermato da esami medico-legali sul corpo della ragazza.

“Mia figlia non può più difendersi e non tollero altri racconti lontani dalla realtà. Ylenia era una ragazza di una bontà straordinaria, amava la vita e mi ripeteva in continuazione di sorridere sempre. Conduceva una vita normalissima, lavorava e metteva i soldi da parte, voleva farsi una famiglia. Non avrei mai potuto immaginare di perderla in questo modo, adesso chi è responsabile deve pagare senza sconti. È l’unica speranza che mi rimane”. Stando al racconto della madre della vittima, Ylenia non aveva fatto cenno a particolari contrasti o problemi con quella che sarebbe diventata la sua assassina. “Le ho chiesto cosa avrebbe voluto come regalo di Natale, poi non l’ho più sentita”, dice mamma Nunziatina.

Ylenia, vittima di un’aggressione col fuoco dall’ex, nel 2017, aveva trovato lavoro a Salerno, in Campania, salvo poi tornare a casa per la pandemia di Coronavirus. Viveva a Catania, in un appartamento che in questi giorni la madre ha visitato per prendere le cose della ragazza. All’epoca della prima aggressione aveva difeso a spada tratta l’ex, poi condannato a dieci anni di carcere, incassando per questo un accusa di favoreggiamento che l’avrebbe vista a processo, come imputata, a marzo 2021.

 

Articolo PrecedenteBelgio, organizzano orgia nei pressi di una clinica per pazienti affetti dal Covid
Prossimo ArticoloViterbo, costretto a trasportare un compagno morto nei campi: l’orrore del caporalato
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.