WhatsApp si aprirà di più alla pubblicità, ma forse non nel modo che state pensando

0

Sono anni che saltuariamente si rincorrono voci dell’arrivo della pubblicità in WhatsApp, sempre prontamente smentite da Facebook, ma adesso sono proprio le parole di un suo dirigente, David Marcus, a riaccendere la miccia.

Per quanto riguarda la pubblicità, renderemo senz’altro WhatsApp più aperto. Avremo la possibilità di permettere alle aziende più grandi, non solo alle piccole imprese, di integrare nuove API per inviare e ricevere messaggi con gli utentWhatsapp.

Marcus tira insomma in ballo la famigerata pubblicità, ma la sua spiegazione risulta un po’ ambigua, parlando solo di uno scambio di messaggi. In realtà una spiegazione più plausibile l’avremmo trovata, ricordandoci di quanto trapelato in una recente beta per Android, che conteneva nuovi termini di servizio non ancora resi pubblici:

In breve, si parla sì di un modo per mettere in contatto utenti ed aziende, con informazioni quali ordini, transazioni, spedizioni, consegna ecc, ma si parla anche di messaggi sponsorizzati da parte di quelle stesse aziende. Non pubblicità nel senso di banner insomma, ma sotto forma di messaggi promozionali/di marketing.

Barclays predice infatti che l’addio di Jan Koum sarà l’araldo dell’arrivo della pubblicità, ed il Washington Post gli fa eco, citando delle divergenze di approccio su vari punti, tra i quali, per l’appunto, la pubblicità.

Marcus ha ovviamente negato che sia questo il motivo dell’addio di Koum, e nessuno può affermare con certezza il contrario; vero è che se proprio adesso si concretizzassero le ipotesi di cui sopra, il dubbio sarebbe quantomeno legittimo.

 

 

Articolo PrecedenteL’addio del cofondatore di WhatsApp riguarda tutti. Più di quanto si creda
Prossimo ArticoloDating su Facebook, il difficile sarà comunicare la libidine senza faccine
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.