WhatsApp contro le fake news. Metterà il bollino ai messaggi inoltrati

0

Il manager capo delle comunicazioni annuncia importanti cambiamenti contro le fake news: “I fact-checkers saranno aiutati per migliorare la piattaforma”. Ecco le novità.

WhatsApp sta ufficialmente cercando di rimediare alle spam e alle fake news. Come? Utilizzando un nuovo sistema che contrassegnerà il messaggio inoltrato nelle conversazioni riuscendo in tal modo a far capire che non è stato scritto dall’utente ma copiato da un’altra conversazione e dunque non verificabile. La conferma di questa novità in casa WhatsApp arriva direttamente da Carl Woog il capo delle comunicazioni della chat di proprietà di Facebook.

Il tentativo chiaramente è quello di interrompere le notizie fasulle ma anche le catene o i falsi allarmi di phishing che sempre più spesso inondano le chat del sistema di messaggistica rendendo difficile la loro individuazione per i meno esperti.

Aiutare i fact-checkers sarà una mossa futura cruciale per WhatsApp, abbiamo a cuore la sicurezza degli utenti” questa la dichiarazione del dirigente di WhatsApp durante la Global Fact-Checking Summit. Per il dirigente almeno il 9% dei messaggi sono mandati tra due persone mentre i gruppi contano in media 6 utenti. Per questo ci vuole maggiore potere agli amministratori dei gruppi che devono agire nel controllo delle conversazioni e dunque cercare di gestire proprio i vari messaggi. Proprio in alcuni paesi si sta già attivando una specie di tester per la verifica appunto delle false notizie introdotte sulle chat di WhatsApp.

WhatsApp ha oltre 1.5 miliardi di persone che quotidianamente la utilizzano e che inviano oltre 65 miliardi di messaggi ogni 24 ore. E’ palese come il compito del sistema di messaggistica più famoso al mondo non possa rimanere indifferente alle fake news. L’esempio forse più lampante è WeChat, il sistema utilizzato in Cina e giunto anche nei nostri paesi. Ha raggiunto da poco il traguardo del miliardo di utilizzatori ma in questo caso la differenza con WhatsApp è che le false notizie e la disinformazione vengono punite con il carcere.

Insomma l’idea iniziale è quella di ostacolare almeno le fake news che viaggiano attraverso messaggi che richiedono il “copia e incolla”. Questi, se l’azienda pubblicherà lo strumento, saranno caratterizzati da un contrassegno che ne indicherà la natura. Un primo passo verso una lotta che sembra non essere poi così facile.

Articolo PrecedenteMigranti, Salvini: “Stop viaggi della morte e hotspot in Libia”, no di Tripoli
Prossimo ArticoloFilm, serial e show: Apple lancia la sfida a Netflix
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.