Vetralla, lo zio di Matias entra in ospedale con un coltello: “Ditemi dov’è Mirko, lo ammazzo”

0
Vetralla, lo zio di Matias entra in ospedale con un coltello.

Vetralla, lo zio di Matias entra in ospedale con un coltello. L’uomo, secondo quanto riportato da Il Messaggero, è stato bloccato dalla polizia e sarebbe stato sedato. Cercava Mirko Tomkow, il padre del piccolo Matias, ucciso lo scorso martedì.

Lo zio di Matias, il bimbo di dieci anni ucciso lo scorso martedì dal padre, è entrato all’ospedale di Belcolle con un coltello. “Ditemi dov’è Mirko che lo ammazzo”, ha dichiarato alle persone presenti nel nosocomio. A riportare la notizia è Il Messaggero. Mirko Tomkow è ricoverato nell’ospedale dal giorno dell’omicidio, nel reparto dove si trovano i detenuti. Portato al nosocomio in codice rosso, una volta che si sarà ristabilito sarà trasferito in carcere. Lo zio di Matias è stato bloccato dalle forze dell’ordine presenti sul posto: secondo le prime informazioni, sarebbe stato bloccato e sedato.

Ieri a Vetralla i funerali di Matias
I funerali di Matias si sono tenuti ieri a Vetralla. Ad accompagnare la bara bianca, all’uscita della chiesa di Santa Maria del Soccorso, decine di palloncini gialli. Alle esequie era presente l’amministrazione comunale, il sindaco Sandrino Aquilani, la famiglia del piccolo e decine di amici e conoscenti, che hanno voluto porgere l’ultimo saluto al bambino. All’interno della chiesa c’erano anche il preside, le maestre e i compagni di scuola del bambino, sconvolti e addolorati per quanto accaduto.

L’omicidio di Matias a Vetralla
L’omicidio di Matias è avvenuto lo scorso martedì. Secondo quanto emerso dalle indagini, condotte dai carabinieri di Vetralla, a uccidere il piccolo è stato il padre Mirko Tomkow, di 44 anni. L’uomo era stato raggiunto a settembre da un divieto di avvicinamento all’ex moglie e al bambinoper vari episodi di violenza avvenuti nel corso degli anni. Varie volte Tomkow aveva minacciato di morte la compagna, dicendo che l’avrebbe uccisa. Violento e con problemi di alcol, era stato mandato via di casa. Fino a martedì non aveva mai violato l’ordine restrittivo. Si è fatto aprire la porta dal bimbo, in quel momento solo in casa, poi gli ha tappato la bocca e il naso con lo scotch per non farlo urlare, e lo ha ucciso con una coltellata alla gola. Il corpo di Matias lo ha poi messo nel cassettone del letto.

Vetralla, lo zio di Matias entra in ospedale con un coltello.

Articolo PrecedenteFemminicidio Reggio Emilia: il killer era stato già condannato per violenze sull’ex compagna
Prossimo ArticoloGiovane trovata morta in casa di un amico, giallo a Silvi: indagano i carabinieri
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.