Ventimiglia, uccide la ex e poi si suicida. La Procura: “C’erano 2 denunce ma non è emerso fosse perseguitata”

0
Ventimiglia, uccide la ex e poi si suicida.

Ventimiglia, uccide la ex e poi si suicida. La Procura. C’erano due denunce a carico di Antonio Vicari, l’uomo che ieri pomeriggio ha ucciso a colpi d’arma da fuoco la ex compagna Sharon Micheletti, di 30 anni, a Ventimiglia e poi ha rivolto l’arma contro di sé, togliendosi la vita. Tuttavia non sembrerebbe un caso di stalking. A dichiararlo è il procuratore di Imperia, Alberto Lari, che intende così far chiarezza sulla vicenda. Il 65enne di recente aveva perso il padre e in passato il figlio in un incidente stradale.

“C’erano due denunce per minacce: una risalente al 28 marzo e l’altra ai primi giorni di giugno, ma così com’erano descritte, sembravano fatti isolati, non sembrava emergere che fosse perseguitata. Tanto è vero, che gli atti dei carabinieri non parlavano di stalking”. Così il procuratore di Imperia, Alberto Lari in merito al femminicidio-suicidio avvenuto ieri a Ventimiglia dove Antonio Vicari, 65 anni, ha ucciso l’ex compagna Sharon Micheletti, di 30 anni con diversi colpi di pistola. Per il magistrato quindi si trattava di fatti “non ripetuti e seriali”. In particolare nella denuncia presentata dalla donna dalla donna all’inizio di giugno, dopo due mesi di tranquillità, si faceva riferimento ad un incontro con Vicari che l’aveva minacciata di nuovo. Stando alle testimonianze, inoltre, il 65enne l’aveva molestata più volte sotto casa e anche al lavoro, anche con minacce di morte nei confronti e del bambino avuto nel matrimonio successivo alla loro relazione.

Antonio Vicari aveva perso di recente il padre
La relazione tra i due era finita da 4 anni quando Vicari era finito in carcere per una condanna definitiva per stalking e violenza sessuale nei confronti della ex moglie. Anche dal carcere aveva inviato diverse lettere a Sharon. Sui fatti di ieri potrebbe inoltre aver inciso anche la recente morte del padre dell’assassino, Domenico, da aggiungere alla perdita del figlio Cristian, morto vent’anni fa dopo un tragico incidente ad Airole, mentre si trovava con alcuni amici.

I post su Facebook e le foto con le pistole
Un messaggio dedicato proprio al ragazzo scomparso (“Ciao figlio mio, spero di rivederti al più presto t.v.b. kri” – 6 maggio) è uno dei tanti post pubblicati su Facebook negli ultimi mesi dall’uomo che, col senno di poi, appaiono significativi alla luce di quanto successo ieri a Ventimiglia. “Bene abbiamo preso una strada senza via di uscita”, scriveva 31 maggio); e sopratutto il post del 2 giugno: “Pensa bene, che anche quando dormi io sono lì vicino, figurati quando sei con l’amante, non c’è posto che puoi nasconderti.” Sul social in passato aveva postato anche due foto che lo ritraggono, in una in posa mentre imbraccia un fucile mitragliatore e nell’altra mentre prende la mira con una pistola in pugno.

 

Articolo PrecedenteGreen pass europeo entra in vigore il 1 luglio, firmato il regolamento: ecco come ottenerlo
Prossimo Articolo“Minaccia radioattiva imminente”, massima attenzione sulla centrale nucleare cinese
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.