Venezia, Ivan Busso ucciso dal Covid a 42 anni: “Era sanissimo, poi è morto come i suoi genitori”

0
Venezia, Ivan Busso ucciso dal Covid a 42 anni.

Venezia, Ivan Busso ucciso dal Covid a 42 anni. Ivan Busso, falconiere veneto di 42 anni, è morto pochi giorni prima dei suoi genitori, Gina Smerghetto e Gianni Busso. Tutti avevano contratto il Covid-19. La moglie di Ivan ha presentato un esposto in procura: “Ivan era sanissimo, in salute, mai avuto nulla”, ha detto chiedendo chiarezza su cosa è successo negli ultimi giorni.

“Ivan era sanissimo, in salute, mai avuto nulla. Poi il 3 dicembre la febbre molto alta. È risultato positivo al tampone. Quando sono subentrate le difficoltà respiratorie, e il saturimetro ha registrato valori d’allarme per l’ossigenazione, è stato ricoverato all’ospedale di Dolo. Prima nel reparto di Medicina, poi in Terapia intensiva. A un certo punto sembrava in miglioramento, si era negativizzato, ma alle complicazioni del virus, che gli aveva colpito i polmoni, si è aggiunta un’infezione batterica”. A parlare è Elisa Borella, la moglie di Ivan Busso, il falconiere veneto morto in seguito a complicazioni del Covid il primo gennaio scorso. Ivan Busso aveva 42 anni e dopo di lui, nel giro di una ventina di giorni, sono morti a causa del virus anche la mamma Gina Smerghetto, 65 anni, e infine il papà Gianni, di 72 anni. Se ne sono andati senza sapere dei lutti che li avevano preceduti.

Ivan lascia una bimba di 2 anni: “Era un papà fantastico”

Al quotidiano Repubblica la moglie di Ivan ha parlato di suo marito, padre di una bambina di due anni, e di quelle sue parole “Guarisco e torno a casa” pronunciate dall’ospedale. Ivan “era un vulcano di idee, pieno di risorse, energia, per qualsiasi cosa aveva una soluzione”, racconta la moglie, parlando del mestiere del 42enne – falconiere – ma anche delle sue tante passioni, dalla fotografia astronomica ai bonsai: “Eravamo entrambi nella compagnia del paese, ci siamo fidanzati nel 1998, ci siamo sposati 15 anni fa. La nostra bambina ora ha due anni. Era un papà fantastico”. Elisa ha sentito per l’ultima volta suo marito il 25 dicembre: Ivan era risultato negativo al tampone, ma era ancora in corso l’infezione batterica.

“Guarisco e torno a casa”, poi il decesso: presentato esposto in procura
“Abbiamo parlato della bambina, che aveva voglia di riabbracciare. Mi ha detto: ‘Guarisco e torno a casa’. Il giorno dopo è peggiorato, è stato intubato, e non l’ho più visto”, il racconto della donna che ha deciso di presentare un esposto in procura. “Vorrei che venisse fatta chiarezza su cosa è successo negli ultimi giorni, sulle cause dell’infezione. Anche se non servirà a riportarmi Ivan”, ha spiegato. “Spero almeno che la morte di Ivan, e dei suoi genitori, serva a far capire che non è uno scherzo, che il virus può colpire tutti, non solo gli anziani e le persone fragili. Ma se neppure di fronte alla morte di un 42enne le persone si convincono, non so cos’altro si possa fare”, ha detto ancora in riferimento a quanti negano ancora il Covid-19. “Alla nostra bambina dirò che aveva un papà che non si arrendeva mai, che amava la vita e che amava tantissimo lei. E le dirò che aveva dei nonni speciali, orgogliosi della loro nipotina”, conclude Elisa.

Articolo Precedente“Spappolavano e massacravano” chi non pagava la coca: chiesti 400 anni per gli uomini di Diabolik
Prossimo ArticoloMadrid, un sacerdote e un operaio tra le quattro le vittime dell’esplosione del centro parrocchiale
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.