Vaccino, ecco il piano: fasce d’età diverse ogni mese, l’obiettivo è l’immunità di gregge

0
Vaccino, ecco il piano: fasce d’età diverse ogni mese.

Vaccino, ecco il piano: fasce d’età diverse ogni mese. Con l’arrivo delle prime dosi in Italia si torna a parlare del piano per vaccinare tutta la popolazione. Da metà gennaio toccherà a personale medico, sanitario e delle Rsa. Tra febbraio e marzo a chi ha superato gli 80 anni, ad aprile la fascia d’età tra i 60 e i 79 anni e chi ha almeno 2 patologie croniche. Poi toccherà al resto della popolazione. L’obiettivo è immunizzare il 70% della popolazione, ma la strada è ancora lunga e gli imprevisti dietro l’angolo.

Ora che il primo vaccino è arrivato in Italia, si ricomincia a parlare del piano di somministrazione alla popolazione e di come si potrà uscire per sempre dall’emergenza Covid. In queste ore le 9.750 dosi simboliche del farmaco prodotto da Pfizer stanno venendo somministrate a medici, infermieri, personale sanitario e in generale a chi lavora negli ospedali. Ai simboli della lotta al Covid. Ma già nei prossimi giorni inizierà la vera distribuzione del vaccino Pfizer, in attesa degli altri farmaci che devono essere approvati a stretto giro dall’Ema, in particolare quelli di AstraZeneca e Moderna. Via libera, dunque, al piano di vaccinazione pronto da settimane, che prevede tempistiche ben scandite in base alla fascia d’età per ricevere il farmaco.

Il piano elaborato da Ministero della Salute, Commissario straordinario per l’emergenza, Istituto superiore di sanità, Agenas e Aifa, e caratterizzato dal simbolo della primula, prevede che da metà gennaio vengano vaccinati i medici, gli infermieri, il personale sanitario in generale e gli ospiti delle Rsa, uno degli ambienti più a rischio, con conseguenze – come già visto durante la prima ondata – potenzialmente disastrose. Si parla già di circa 2 milioni di persone. Tra febbraio e marzo si passerà alla fascia di popolazione che ha superato gli 80 anni, che conta circa 4 milioni e mezzo di persone.

Se tutto andasse come previsto, ad aprile si inizierebbe con la vaccinazione dei soggetti meno fragili. La fascia d’età interessata è quella tra i 60 e i 79 anni, che però è molto corposa – si parla di più di 13 milioni di persone – ma in questo giro di vaccinazione rientrerebbe anche chi ha almeno due patologie croniche, a prescindere dall’età, e sarebbero altri 7 milioni e mezzo. A questo punto si potrà procedere con il resto della popolazione, ma non sarà una chiamata generale: verrà data comunque precedenza a chi svolge un servizio essenziale, dagli insegnanti alle forze dell’ordine.

Le variabili da considerare sono ancora tante: non si sa con certezza quanto durerà l’immunità al virus, né per chi l’ha contratto come malato, né per chi si è sottoposto al vaccino. Non si sa neanche quale sarà la risposta della popolazione: al momento non c’è nessuna obbligatorietà di somministrazione. Finché si tratta di medici e soggetti fragili la risposta dovrebbe essere positiva, ma, come sottolineato da alcuni sondaggi, più si scende tra le fasce d’età e più cala la volontà di vaccinarsi. Il punto è che per raggiungere l’immunità di gregge servirebbe somministrarlo almeno al 70% della popolazione – o che comunque questa abbia gli anticorpi. Insomma il piano per uscire dal tunnel è chiaro e delineato, ma gli imprevisti potrebbero non essere finiti.

Articolo PrecedenteDe Luca e il vaccino Covid: idea giusta realizzata in un modo sbagliato
Prossimo ArticoloCovid-19, Matteo Bassetti: “Ho fatto il vaccino e mi sento già più forte, è un atto d’amore”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.