Un’altra conferma: il vaccino Mpr non provoca l’autismo

0
MOSCOW, RUSSIA - MARCH 1, 2019: A child is vaccinated for measles and mumps at No39 Children's Polyclinic (outpatient clinic). Artyom Geodakyan/TASS (Photo by Artyom GeodakyanTASS via Getty Images)

Una nuova ricerca evidenzia che non esiste alcun legame tra il vaccino Mpr e un rischio maggiore di autismo. Neanche tra i bambini che hanno altri fattori di rischio per questo disturbo

Non esiste alcun collegamento tra vaccino Mpr, ovvero il vaccino pediatrico che protegge da tre malattie, quali morbillo, parotite e rosolia, e disturbi dello spettro autistico. A suggerirlo sulle pagine della rivista Annals of Internal Medicine è stato il team di ricercatori dello Statens Serum Institut di Copenaghen che, analizzando i dati provenienti da tutti i bambini nati in Danimarca tra il 1999 e il 2010, ha dimostrato come questo vaccino trivalente non aumenterebbe il rischio di sviluppare l’autismo. Escludendo, quindi, per l’ennesima volta il nesso di causa-effetto tra vaccinazioni e l’insorgenza di questo disturbo.

Ricordiamo che le cause dell’autismo non sono ancora state chiarite o identificate con certezza dalla comunità scientifica, e quindi non è possibile accreditarle alla somministrazione di qualsiasi copertura vaccinale. Tuttavia, la sempre più crescente preoccupazione (dovuta a disinformazione, indifferenza e scetticismo) dei genitori per il potenziale legame tra vaccini e autismo ha portato a un significativo calo dei tassi di vaccinazione: basti pensare che il numero dei casi di morbillo in Europa e negli Stati Uniti è aumentato notevolmente (le infezioni di morbillo sono aumentate globalmente del 30%).

Come vi avevamo raccontato alcuni giorni fa, infatti, il 2018 è stato l’anno del ritorno del morbillo in Europa, stati dell’est e Russia: secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in 47 dei 53 Paesi della regione europea si sono registrati oltre 82mila casi e 72 i decessi. Un nuovo record, quindi, visto che è una cifra che supera di 3 volte quella registrata nel 2017 e di ben 15 volte quella del 2016.

Tanto che gli esperti dell’Oms hanno dichiarato lo scorso 16 gennaio che il rifiuto dei vaccini è tra le 10 più gravi minacce alla salute globale. Secondo l’Oms, infatti, “La vaccine hesitancy – cioè la riluttanza o il rifiuto a vaccinare nonostante la disponibilità di vaccini – rischia di invertire i progressi compiuti nella lotta contro le malattie prevenibili con il vaccino. La vaccinazione”, si legge sul sito dell’Organizzazione, “è uno dei modi più economici per evitare certe malattie: attualmente impedisce 2-3 milioni di morti all’anno e 1,5 milioni potrebbero essere evitati se la copertura vaccinale globale migliorasse”.

In questo nuovo studio, per cercare di valutare se ci fosse un effettivo legame tra il vaccino Mpr e un maggior rischio di autismo nei bambini, i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti dal registro demografico danese, coinvolgendo nell’analisi un totale di 657.461 bambini tra il 1999 e il 2010, di cui 6.517 sono stati diagnosticati con autismo. Dal confronto tra i bambini vaccinati con il Mpr (che solitamente viene somministrato intorno a un anno di età mentre la seconda dose prima di andare a scuola) e quelli che non lo avevano ricevuto è emerso che non c’era alcuna differenza nel rischio di sviluppare i disturbi dello spettro autistico. Inoltre, i ricercatori hanno osservato che non c’è stata alcuna associazione tra l’età del bambino al momento del vaccino e alcun nesso tra il tempo trascorso dalla vaccinazione e lo sviluppo dell’autismo.

Infine, i ricercatori hanno valutato il rischio di autismo in precisi sottogruppi di bambini considerati più “suscettibili”. Osservando, anche in questo caso, che non c’era alcun collegamento tra la vaccinazione e un maggior rischio di sviluppare autismo nei bambini che avevano un fratello affetto da questo disturbo, oppure in coloro che avevano ricevuto altri vaccini pediatrici, o durante determinati periodi di tempo prima e dopo aver ricevuto la vaccinazione. Come concludono i ricercatori, quindi, questo studio fornisce un’ulteriore conferma del fatto che non c’è alcuna associazione o nesso di causa-effetto tra il vaccino Mpr e il rischio di sviluppare l’autismo.

Articolo PrecedenteThe Umbrella Academy: i nuovi superoi pop targati Netflix
Prossimo ArticoloLa sonda Russa che sta per ricadere sulla Terra
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.