Un Rally Italia Sardegna al decimo di secondo

0

La settima prova del mondiale Rally, svoltasi in Sardegna dal 7 all’11 Giugno 2018, è stata forse l’edizione più in bilico di sempre. La gara ha visto gli sterrati sardi come protagonisti dei quattro giorni di gara.

Il meteo non è stato clemente, trasformando i primi due giorni in un rally in stile Galles e portando un’improvvisa estate negli ultimi due giorni di gara.
Il Giovedì si parte con lo shakedown la mattina, i piloti testano le vetture su un fondo bagnato in un percorso situato a pochi chilometri da Alghero. La sera si attende la prima prova spettacolo a Ittiri, un circuito chiuso in cui i concorrenti si sfidano attorno al pubblico assiepato sugli spalti di un’arena naturale.
La prova si chiude con distacchi minimi rimandando la vera sfida ai giorni successivi. L’attimo fotografico più interessante però viene offerto dal percorso di trasferimento verso Ittiri, mentre gli equipaggi sfilano incorniciati dalle strette vie di Alghero e si dirigono alla partenza dell’attesa sfida.
Possiamo quindi assistere alla gara vera e propria il Venerdì, con prove segnate dalla pioggia che porta a sostituire la caratteristica polvere sarda col meno spettacolare fango.
Il giorno 1 vedeva in testa Andreas Mikkelsen che però deve ritirarsi lasciando la testa del gruppo. Anche Ott Tanak è costretto al ritiro dopo un salto sfortunato e particolarmente soggetto a critiche nei giorni successivi. Si chiude quindi il Venerdì con Ogier in testa con quasi venti secondi di distacco sul suo diretto concorrente Neuville.
Finalmente il sabato si parte con la speranza che il sole scaldi la terra sarda e, dopo qualche incertezza mattutina, il sole ci assiste durante tutta la giornata.
Assistiamo alle prove sul mitico tracciato naturale di Monte Lerno, punto di approdo di tantissimi tifosi. Il famosissimo salto Micky’s Jump si trasforma in uno stadio di appassionati e tifosi.
La giornata scorre rapidissima con i due contendenti che si marcano stretti, restringendo il gap sotto i 4 secondi e preparando il campo per un giorno successivo caldissimo, sia sotto il punto di vista climatico che agonistico.
La Domenica è quindi il giorno della verità, si inizia con una prova speciale, Cala Flumini 1, che non permette errori. Assistiamo alla seconda prova della giornata, Argentiera 1, molto polverosa e giocata al decimo di secondo.
Ogier e Neuville in prima e seconda posizione comandano sempre la gara fino all’ultima prova, la Power Stage lungo la costa dell’Argentiera, una gara che regalerà 25 punti a chi si aggiudicherà l’evento e 5 punti bonus a chi si aggiudicherà quest’ultima prova.
Il distacco tra i due è di soli 8 decimi di secondo, il belga Neuville gioca tutte le sue carte nei confronti del francese Ogier e, dopo qualche rischio e tanto spettacolo, riesce a recuperare un secondo e mezzo chiudendo la gara con un vantaggio di 0,7 secondi.
Il belga quindi prende tutti i punti a disposizione sul piatto, allungando sulla classifica generale.
E’ stato il Rally Italia Sardegna più avvincente a cui abbiamo mai assistito, lo spettacolo degli sterrati sardi non si è fatto attendere e le immagini che ci ha regalato questo evento sono frutto del nostro territorio incontaminato e selvaggio.
Arrivederci al 2019 sempre con la viva speranza che il Mondiale Rally faccia nuovamente tappa in Italia e in Sardegna.

Articolo e Foto a cura di Claudio AresuSito Web

[URIS id=2506]

Articolo PrecedenteSalvini: ‘Inutili 10 vaccini obbligatori’. Burioni: ‘Dica fatti, non bugie’
Prossimo ArticoloWhatsApp, come trasferire chat da Android a iOS
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.