Un nuovo test anti Covid potrebbe rilevare il contagio con lo smartphone

0
Un nuovo test anti Covid potrebbe rilevare il contagio con lo smartphone.

Un nuovo test anti Covid potrebbe rilevare il contagio con lo smartphone. Il test si basa su campioni di saliva prelevati da sospetti positivi e per i calcoli utilizza uno smartphone che analizza immagini ingrandite da un microscopio. Il vantaggio illustrato in uno studio pubblicato su Nature Protocols, è la rapidità: il risultato delle analisi viene infatti emesso in soli 10 minuti.

Uno degli ostacoli più grandi che impedisce di contenere la pandemia di coronavirus è la pronta e ampia disponibilità di test affidabili in tempi rapidi. Per risolvere questo problema i ricercatori della University of Arizona stanno sviluppando un sistema per la ricerca di Covid-19 nei pazienti particolarmente promettente: si basa su campioni di saliva prelevati da sospetti positivi e per i calcoli utilizza un comune smartphone. I vantaggi, illustrati in uno studio pubblicato su Nature Protocols, sono facilità di somministrazione del test e la rapidità: il risultato delle analisi viene infatti emesso in soli 10 minuti.

I ricercatori stanno riadattando un sistema di analisi che hanno sviluppato per rilevare il norovirus, un agente patogeno spesso causa di gastroenterite. Per il funzionamento lo smartphone da solo non basta: i dispositivi vengono infatti utilizzati per esaminare le immagini ingrandite dei campioni di saliva, che vanno però comunque raccolti, messi in contatto con dei reagenti specifici e ingranditi con un microscopio. È a questo metodo nel suo insieme che il team della University of Arizona aveva già lavorato e che ora sta cercando di riadattare.

Da una parte i campioni del paziente vengono prelevati dalla bocca, poi diluiti in acqua e posizionati su una superficie studiata per l’analisi; al composto vengono aggiunti poi anticorpi addestrati contro Covid-19 che sono stati resi artificialmente fluorescenti; se nel campione è presente il virus, gli anticorpi lo attaccheranno formando quelli che al microscopio risulteranno dei minuscoli agglomerati fluorescenti. L’analisi viene resa possibile dall’ingrandimento del microscopio e dai sistemi di analisi delle immegini codificati all’interno dell’app deputata al test.

Le apparecchiature impiegate per il momento non rendono possibile effettuare il test direttamente dentro casa, ma le cose potrebbero cambiare in futuro. I ricercatori al momento sono ancora impegnati a capire come modificare le procedure e il software per renderlo compatibile con le analisi per Covid-19, ma se l’operazione dovesse rivelarsi un successo non è escluso che futuri investimenti possano trasformare la procedura in un kit commercializzabile per test rapidi e diffusi.

Articolo PrecedenteOmicidio Roberta Siragusa, gip: “Immagini lasciano sgomenti: corpo devastato”
Prossimo Articolo“Negava la pandemia”, sindaco su prete che faceva catechismo con covid: 2 classi in quarantena a Fabriano
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.