Uccise la madre e ne mangiò i resti: “Mi avevo reso la vita impossibile”. Inizia processo al cannibale

0
Uccise la madre e ne mangiò i resti: “Mi avevo reso la vita impossibile”. Inizia processo al cannibale.

Uccise la madre e ne mangiò i resti: “Mi avevo reso la vita impossibile”. Inizia processo al cannibale. La terribile vicenda nel 2019: il presunto assassino, Alberto Sanchez, oggi 28enne, aveva confessato tutto. Ma in questi giorni in aula ha detto di non ricordare nulla. Una vicenda terribile, che sta monopolizzando l’attenzione dei media iberici dopo l’apertura a Madrid del processo al “cannibale de la Guindalera”.

È cominciato da qualche giorno a Madrid il processo nei confronti di Alberto Sanchez, accusato di aver ucciso e smembrato il corpo di sua madre nel febbraio 2019. Quando la polizia arrivò sul luogo del delitto trovò il cadavere di una donna di mezza età, massacrato, i resti sparsi in varie stanze della casa. L’accusato, che adesso ha 28 anni, confessò che l’aveva uccisa perché gli aveva reso “la vita impossibile” e ne aveva mangiate alcune parti, mentre altre le aveva date al cane. Una vicenda scioccante, che ha catalizzato l’attenzione dei media spagnoli in quello che i giornali hanno già definito il processo al “cannibale de la Guindalera”. Il caso è riportato dai media locali, che hanno rese note le dichiarazioni dei poliziotti coinvolti nel caso di fronte al giudice e alla giuria popolare chiamati a valutarlo.

Il processo al cannibale de la Guindalera
I dettagli che emergono dalle indagini di quei giorni sono davvero macabri: Sanchez, dopo aver ucciso la madre 66enne, avrebbe portato il corpo in camera da letto, e nei quindici giorni successivi al delitto avrebbe più volte mangiato i resti della donna. Ma in questi giorni in aula, l’accusato ha detto di non ricordare di aver commesso il delitto. Ma ha ammesso di aver sentito voci che gli dicevano di ucciderla. La procura ha chiesto nei confronti di Sanchez una condanna di 15 anni per l’omicidio della madre e di 5 mesi per la profanazione del cadavere. Secondo le deposizioni fatte dalle parti nelle udienze in corso, l’imputato aveva problemi di droga ed era in vigore contro di lui un’ordinanza restrittiva nei confronti della madre. La vittima lo aveva denunciato 12 volte, anche se per spiegare la presenza dei lividi sul collo e sulle braccia, ai vicini raccontava di essere caduta mentre portava a spasso il cane. La difesa punta all’infermità mentale.

Articolo PrecedenteCinque calciatori professionisti accusati di stupro di gruppo durante un festino
Prossimo ArticoloTreviso, neonata muore poco dopo il parto: disposta l’autopsia
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.