Uccise il padre per salvare la madre: chiusa l’inchiesta, Alex Pompa rischia 20 anni di carcere

0
Uccise il padre per salvare la madre.

Uccise il padre per salvare la madre. Andrà a processo Alex Pompa, il ragazzo che il 30 aprile scorso uccise il padre Giuseppe, 52 anni, per difendere la madre dalle sue aggressioni. L’ipotesi di accusa è omicidio volontario aggravato dal vincolo di parentela. Attualmente Alex è agli arresti domiciliari nella propria abitazione a Collegno (Torino).

Omicidio volontario aggravato dal vincolo di parentela: è l’ipotesi d’accusa che la procura di Torino muove ad Alex Pompa, il giovane di venti anni che il 30 aprile dello scorso anno uccise a coltellate il padre per difendere la madre dall’ennesima aggressione da parte del compagno. L’inchiesta è stata formalmente chiusa. Ora la difesa ha venti giorni di tempo per le proprie deduzioni. Il giovane attualmente è agli arresti domiciliari nella propria abitazione a Collegno. “Sei l’unico che ascolta. Devi intervenire in modo drastico. Qui rischiamo tutti la vita”, il messaggio che Alex e il fratello avevano scritto allo zio la sera dell’omicidio di Giuseppe Pompa, 52 anni. Poi il delitto, con l’uomo ucciso con numerosi fendenti.

Il ragazzo, che non ha mai negato il delitto, ora andrà a processo. Il pm Alessandro Aghemo ha chiuso le indagini sull’omicidio commesso a Collegno nella stessa casa in cui Alex è tornato a vivere da qualche mese insieme alla madre. L’accusa per cui dovrà affrontare la Corte d’assise è omicidio volontario con l’aggravante di aver agito contro un familiare: con le possibili attenuanti il giovane rischia oltre 20 anni di carcere.

Dopo l’omicidio i compagni di classe di Alex si erano offerti di ospitarlo in casa, ai domiciliari, quando i giudici avevano stabilito che sarebbe stato “troppo traumatico” per lui tornare nella casa del delitto e non lo avrebbero consentito le esigenze di indagine. E a giugno, dalla casa di un amico, il giovane aveva sostenuto anche l’esame di maturità. In quella occasione l’allora ministro all’istruzione, Lucia Azzolina, gli telefonò per salutarlo e sostenerlo. Dopo il diploma Alex si è iscritto all’università.

Articolo PrecedenteZona rossa in tutta Italia solo nei weekend: l’ultima ipotesi per rallentare il contagio da Covid-19
Prossimo ArticoloRagazzo di 16 anni trovato impiccato nel Casertano: era in comunità
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.