Uccisa dal figlio a Camaiore, la famiglia non ha il denaro per rimpatriare il corpo

0
Uccisa dal figlio a Camaiore

Uccisa dal figlio. I familiari di Larisa Smolyak non potranno rimpatriare il suo corpo per i funerali in Ucraina: non hanno la somma sufficiente per pagare le spese. Il fratello si è rivolto alle istituzioni. La donna era stata uccisa mercoledì scorso dal figlio nella loro casa di Camaiore (Lucca): durante una discussione il 29enne l’aveva tramortita e ammazzata con 40 coltellate.

Il corpo di Larisa Smolyak, la donna uccisa mercoledì scorso a coltellate dal figlio, non potrà fare ritorno in Ucraina: i familiari non hanno il denaro necessario per sostenere i costi di rimpatrio della salma. Il fratello della vittima, Yuriy Smolyak, anche lui in Italia e residente a Fano (Pesaro), si è rivolto alle Istituzioni, chiedendo un aiuto per affrontare le spese. La donna era stata uccisa nella sua casa di Camaiore, in provincia di Lucca. A chiamare le forze dell’ordine era stato lo stesso ragazzo, che dopo le coltellate mortali aveva telefonato ai carabinieri per confessare l’omicidio.

Secondo la ricostruzione Andriy Bocksan, 29 anni, ha sferrato alla madre 40 coltellate dopo un litigio. La feroce aggressione era avvenuta nell’appartamento dove  il 29enne viveva con la madre, invalida agli arti e titolare di una pensione di invalidità. I due, hanno appurato i militari, vivevano in una condizione di profondo disagio e tra loro c’era un rapporto tormentato. Forse la lite era scoppiata proprio per motivi di soldi.

L’avrebbe prima colpita con un oggetto contundente, forse un posacenere che è stato poi ritrovato nella stanza, facendole perdere i sensi. Le prime coltellate sarebbero state sferrate nei punti vitali, quindi verso il collo, ma dopo averla uccisa il figlio si sarebbe accanito sul corpo ormai senza vita, con altri fendenti diretti alle altre parti del corpo. Bocksan, dopo avere telefonato ai carabinieri, ha atteso il loro arrivo in strada e li ha portati nell’abitazione dove c’era il corpo. Il 29enne è stato portato in caserma e arrestato con l’accusa di omicidio volontario.

 

Articolo PrecedenteDetenuti trasferiti da Modena a Sassari, la Lega: “Scelta grave e pericolosa”
Prossimo ArticoloSi arrampica sulla statua al parco giochi: la struttura cade e la travolge, morta bimba di 10 anni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.