Trovata morta Simona Bimbi, il corpo in fondo a un dirupo. Il cadavere di Simona Bimbi, l’educatrice di 46 anni di Forcoli (Pisa) che aveva fatto perdere le proprie tracce da cinque giorni, è stato ritrovato questa mattina. Il corpo senza vita della donna è stato rinvenuto da alcuni volontari, che da giorni sono impegnati nelle ricerche nel pisano. È stata ritrovata a bordo della sua auto in fondo ad un dirupo a Chianni.

È stato ritrovato il corpo senza vita di Simona Bimbi, l’educatrice di 46 anni di Forcoli (Pisa) che aveva fatto perdere le proprie tracce. La donna è stata ritrovata a bordo della sua auto in fondo ad un dirupo a Chianni, sempre nel Pisano, comune distante una ventina di chilometri da Forcoli. A notare l’auto, che era seminascosta tra rovi ed alberi, alcuni dei volontari che da giorni sono impegnati nelle ricerche.

Era scomparsa da cinque giorni, da martedì scorso, 18 agosto, non era più tornata a casa. La donna si era allontanata dalla sua abitazione con borsa, telefono e documenti dopo aver salutato le sue figlie di 18 e 11 anni. A quel punto, secondo le ricostruzuioni, era salita a bordo della sua Hyundai i10 bianca targata FE075LJ e di lei non si era saputo più nulla.

A quanto pare aveva un appuntamento con un’amica, che però non l’avrebbe vista. L’unico elemento che poteva indirizzare i carabinieri nelle ricerche era quel telefono cellulare, agganciato intorno alle 12,30 di martedì dalla cella telefonica di San Vivaldo, frazione di Montaione. Sul caso indagano i carabinieri, che dovranno stabilire la causa del decesso. Sarà eseguita l’autopsia.

Simona si era separata un anno fa, ma secondo il fratello Simone, questo elemento non avrebbe nulla a che vedere con il suo allontamento, e con la sua tragica fine poi: “L’ex marito abita in una casa vicina a quella dove mia sorella vive con le due figlie – aveva raccontato l’uomo a La Nazione – Dopo un anno non penso sia questo il motivo dell’allontanamento. E, sinceramente, non riusciamo a trovarne. Mia sorella è educatrice in un asilo e stava lavorando per riorganizzare l’inizio della scuola. Non sappiamo cosa le sia successo”.