Tragedia Mottarone, parla la zia da Israele: “Non abbiamo rapito Eitan, non avevamo scelta”

0
Tragedia Mottarone, parla la zia da Israele.

Tragedia Mottarone, parla la zia da Israele. Sulla notizia del trasferimento improvviso in Israele del piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, la zia materna dall’estero difende così la sua famiglia dall’accusa di sequestro di persona: “Non abbiamo rapito Eitan, non avevamo scelta”. Per i parenti israeliani i genitori avrebbero voluto che Eitan crescesse in Israele. Su quanto accaduto indaga la Procura.

“Non abbiamo rapito Eitan, non avevamo scelta”. Da Israele difende la sua famiglia dall’accusa di rapimento di persona la zia materna del piccolo Eitan, il bambino di 6 anni unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone dello scorso giugno. A lanciare l’allarme erano stati ieri sera la zia e lo zio paterno, la coppia a cui la Procura di Pavia ha affidato il piccolo subito dopo l’incidente in cui hanno perso la vita anche i suoi genitori e il suo fratellino: la coppia ha allertato le forze dell’ordine dopo che non hanno più visto far ritorno Eitan con il nonno materno a cui era stato permesso un pomeriggio in compagnia del nipote.  Il nonno – stando a quanto raccontato dallo zio al Corriere della Sera – ha imbarcato su un volo privato Eitan grazie anche al passaporto israeliano del piccolo di cui era in possesso e ha lasciato l’Italia in direzione Israele.

La zia da Israele: Così volevano i genitori
Su quanto accaduto ora indaga la Procura. Intanto la zia materna Gali Peleg dall’estero è intervenuta a Radio 103: “Siamo stati obbligati, non avevamo più saputo quali fossero le sue condizioni mentali e di salute”. La donna poi ha messo ben in chiaro che “non lo abbiamo rapito, lo abbiamo riportato a casa. Come i suoi genitori volevano per lui”. La famiglia della madre del piccolo non si era mai accontentata di vederlo solo per breve tempo, tanto che aveva già presentato istanza per l’affidamento. E poi ha concluso dicendo che la custodia alla zia paterna “risulta irregolare”. Tutte affermazioni che non trovano riscontro nella versione degli zii paterni preoccupati perché “il nonno ha ricevuto in Israele una condanna per abusi domestici. Noi abbiamo fatto di tutto per proteggere Eitan, compreso rimanere in silenzio. Ma non è servito, sono venuti alle 11 del mattino e avevano il diritto di stare con Eitan fino alle 18. Solo che non sono mai tornati”. Sul nonno si indagata anche perché sembra che abbia fatto parte dei servizi segreti.

I legali della famiglia paterna: Blitz molto grave
Intanto i legali degli zii paterni parlano di un “blitz molto grave”, in cui gli zii sono stati “spettatori passivi e vittime”. Per l’avvocato Armando Simbari “siamo di fronte a un sequestro due persona”. Tutti preoccupati non solo dalla modalità con cui è avvenuto questo trasferimento in Israele, ma anche perché in questo modo il bambino “è stato strappato alle cure psicologiche e terapeutiche a cui era sottoposto, alla famiglia con cui vive da quando è successa la tragedia e quindi c’è la preoccupazione che possa subire un nuovo trauma”. La zia paterna parla invece di “mossa gravissima, un’altra tragedia per Eitan”. La donna ha anche rivelato che “il nonno materno è stato condannato per maltrattamenti in famiglia nei confronti della sua ex moglie, la nonna materna, e tutti i suoi appelli sono stati respinti in 3 gradi di giudizio”.

Articolo PrecedenteBrianza, esce di casa per fare una passeggiata e non torna più: si cerca una donna di 45 anni
Prossimo ArticoloFemminicidio a Fagnano Castello, nel Cosentino: uccide la moglie a coltellate dopo una lite
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.