Tragedia a Ercolano. Il terribile incidente poco dopo le 19. Inutili i soccorsi, la ragazzina è deceduta nonostante i tentativi degli operatori del 118 di rianimarla. La salma dell’undicenne è stata portata all’obitorio del Policlinico Federico II, il magistrato ha disposto l’autopsia per chiarire le cause del decesso.

Una ragazzina di undici anni è morta annegata in piscina mentre stava giocando con amici e familiari. La tragedia è avvenuta in un complesso turistico a Ercolano poco dopo le 19 di domenica 26 luglio. Inutili i tentativi del 118 di rianimare la ragazzina, per lei non c’è stato nulla da fare. Sul posto, oltre agli operatori sanitari, anche i carabinieri di Ercolano e i colleghi del Nucleo operativo e investigativo di Torre del Greco. Saranno loro a dover stabilire se l’incidente poteva essere evitato e se tutte le misure di sicurezza siano state rispettate. Il corpo della piccola è stato affidato al medico legale che ne ha disposto l’autopsia: al momento, infatti, c’è grande incertezza sulle cause della morte. Non è chiaro cosa sia accaduto e se l’undicenne abbia avuto un malore mentre si trovava in acqua. La salma è stata portata all’obitorio del Policlinico Federico II.

Undicenne affoga in piscina, disposta l’autopsia

La tragedia è avvenuta poco dopo le 19, davanti agli occhi impotenti di amici e familiari. Subito è stata chiamata un’ambulanza, intervenuta tempestivamente per cercare di salvare la vita alla ragazzina. Purtroppo le condizioni dell’undicenne sono apparse da subito disperate, anche se i medici hanno tentato fino all’ultimo di rianimarla ed evitare la tragedia che di lì a poco avrebbe sconvolto la vita di tutti coloro che le volevano bene. Purtroppo, non ce l’hanno fatta, l’undicenne è deceduta. Sarà l’autopsia, effettuata dal medico legale nelle prossime ore, a chiarire le cause della morte. Tra le ipotesi, quella di un malore, anche se non si escludono altri motivi. Per sapere cos’è accaduto, bisognerà attendere l’esito dell’esame del medico.