Torturata e costretta. La brutale aggressione subita da Nina Rudchenko, 57 anni, a Maryanske, nell’Ucraina centrale. Gli aggressori, due fratelli di 27 e 30 anni, hanno fatto irruzione in casa sua. L’hanno picchiata e poi portata a forza nel cimitero locale. Qui l’hanno costretta a scavare una fossa, dove poi l’hanno sepolta viva…

Torturata e poi sepolta viva, una donna in Ucraina è riuscita a sopravvivere tirandosi fuori da quella tomba improvvisata nella quale i suoi vicini ubriachi l’avevano seppellita. Nina Rudchenko, 57 anni, è stata aggredita a Maryanske, nell’Oblast’ di Dnipropetrovs’k , da due fratelli di 27 e 30 anni. La sventurata è stata trascinata in un cimitero prima di essere costretta a scavare la propria tomba, in cui i due balordi l’hanno poi sepolta. Dopo che si sono allontanati pensando che fosse morta, Nina è riuscita ad uscire da quella fossa ed è stata portata in ospedale dove i medici l’hanno ricoverata con una commozione cerebrale, mascella e naso rotti.

Il calvario di Nina
I suoi aguzzini rischiano fino a 10 anni di prigione per tentato omicidio, ha detto la polizia, come riporta il Daily Mail. Secondo i rapporti, la donna era da sola quando i fratelli hanno irruzione in casa sua. Senza dire una parola, l’hanno presa a pugni per poi percuoterla con una mazza da baseball. L’hanno quindi torturata per circa due ore fino a quando la signora Rudchenko non ha perso i sensi. Era ormai notte quando i teppisti l’hanno trascinato nel cimitero locale e le hanno gettato dell’acqua ghiacciata sul viso. Quando ha ripreso conoscenza, l’hanno costretta a scavare una tomba. “Mi hanno fatta sdraiare a faccia in giù e hanno iniziato a seppellirmi” ha ricordato la 57enne ai media locali. “Mi sono coperta il viso con le mani cercando di creare una riserva d’aria. Stavano ridendo e parlando dei piani per uccidere tutta la mia famiglia” dice ancora la donna. La mattina seguente, Nina è stata trovata sul pavimento della sua casa da sua sorella, Ludmila. “La sua faccia era coperta di lividi e sangue. Era nera e gonfia. La riconoscevo a malapena” ha detto la donna.

“Eravamo ubriachi”
La vittima è stata portata d’urgenza in ospedale “Le è stata diagnosticata una commozione cerebrale, [e una] mascella e il naso rotti” ha detto Oleksandr Klymchuk, un chirurgo dell’ospedale distrettuale di Velykobagachans. La polizia ha avviato un procedimento penale per tentato omicidio contro i fratelli. Il portavoce Evgen Slipchenko ha dichiarato: “I sospettati potrebbero anche essere accusati di rapimento. Ora stiamo esaminando le circostanze”. Gli aggressori hanno provato a giustificarsi durante l’interrogatorio, sostenendo di essere “ubriachi” al momento dei fatti.