Torino, uccide i genitori: “Daniele aveva problemi psichiatrici ma non veniva più seguito”

0
Torino, uccide i genitori: “Daniele aveva problemi psichiatrici

Torino, uccide i genitori. Pierfrancesco Ferrero, 69 anni, e sua moglie Giuseppina Valetti, di 60 anni, sono stati uccisi a coltellate dal figlio Daniele nell’appartamento di quest’ultimo a Torino, al culmine di una discussione. Il ragazzo, 30 anni, soffre di un disturbo ossessivo compulsivo e fino al 2010 è stato seguito dal servizio di igiene mentale dell’Asl to5. Poi, dopo essersi trasferito da Baldissero, dove viveva con i genitori, non è più stato assistito: “Non era facile prendersi cura di un ragazzo così problematico”.

Aveva problemi psichici e soffriva di manie di persecuzione Daniele Ferrero, il 30enne di Torino che la scorsa notte ha ucciso a coltellate i genitori, Pierfrancesco Ferrero, 69 anni, e Giuseppina Valetti di 60 anni, al culmine di una discussione. Dopo averli colpiti, il ragazzo avrebbe vegliato per un po’ i loro corpi senza vita poi con l’auto della mamma avrebbe raggiunto Collegno, dove è stato trovato dai carabinieri con le mani ancora sporche di sangue e in stato confusionale: ai militari ha poi confessato quanto successo nel palazzo di via Biscarra 7, dove si era trasferito qualche anno fa da Baldissero, dove i suoi ancora vivevano. La coppia era andata a fargli visita venerdì, ma lunedì avevano annunciato a Daniele che avevano intenzione di tornare a casa. E sembra proprio che sia stata questa la scintilla che ha scatenato il litigio e poi il delitto.

Nessuno dei suoi vicini avrebbe mai pensato ad un epilogo del genere, anche se il giovane aveva comportamenti strani. “Un anno e mezzo fa – ha raccontato una di loro a La Repubblica – Daniele era stato aggredito, dei ragazzi lo avevano picchiato in motorino e da allora era molto impaurito, non voleva più uscire. Se non avessi continuato a incontrare i genitori nei giorni scorsi, avrei pensato che si fosse trasferito”. “Loro parlavano tanto del loro ragazzo – ha aggiunto un altro riferendosi ai genitori – erano persone discrete ma ogni tanto si sfogavano. Venivano a fare la spesa, a buttare la spazzatura. Non era facile prendersi cura di un ragazzo così problematico”.

In effetti, il 30enne soffre di un disturbo ossessivo compulsivo e fino al 2010 è stato seguito dal servizio di igiene mentale dell’Asl to5. Dopo il trasferimento a Torino avrebbe dovuto passare in carico ai servizi torinesi ma negli archivi dell’asl non risulta. Potrebbe aver scelto un medico privato o semplicemente, non essersi mai rivolto a quegli ambulatori. In altre parole non era più assistito. In casa gli investigatori non hanno trovato medicinali, ma solo otto coltelli da cucina, che ha utilizzato per compiere l’omicidio.

 

Articolo PrecedenteBimba di 4 anni positiva, genitori non rispettano la quarantena: “Non vogliamo fare il tampone”
Prossimo ArticoloParrucchieri positivi al coronavirus ma indossavano la mascherina: nessun contagio tra 139 clienti
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.