Teschi e immagini del diavolo tatuate sul braccio, la pista satanista dietro l’omicidio di Brunico

0
Teschi e immagini del diavolo tatuate sul braccio, la pista satanista dietro l’omicidio di Brunico.

Teschi e immagini del diavolo tatuate sul braccio, la pista satanista dietro l’omicidio di Brunico. Ci sarebbe la pista del satanismo tra quelle seguite per capire cosa sia successo a Maxim Zanella, ucciso a Brunico martedì scorso a coltellate da Oskar Kozlowski, 23enne di origini polacche residente da anni nella valle altoatesina e suo vicino di casa. Il ritrovamento di un teschio nell’appartamento della vittima, nel quale è stato compiuto il delitto, e il fatto che il fermato, secondo foto pubblicate sui social media, avesse tatuato sul braccio il numero ‘666’, cioè il numero della Bestia è un simbolo che nel cristianesimo indica un personaggio satanico, hanno alimentato i sospetti.

Ci sarebbe anche la pista del satanismo tra quelle seguite sulla morte di Maxim Zanella, 30 anni, figlio del presidente provinciale del Club alpino italiano. Il ragazzo è stato ucciso martedì scorso a coltellate da Oskar Kozlowski, 23enne di origini polacche residente da anni nella valle altoatesina e suo vicino di casa. Al momento il movente non è chiaro e neanche la dinamica. Ciò che è certo è che il killer si è presentato spontaneamente al pronto soccorso di Brunico con varie ferite e alla fine ha confessato ai sanitari di aver ammazzato un suo amico poco prima nel suo appartamento a termine di una lite e di aver poi gettato l’arma del delitto, un coltello, e il cellulare nel fiume Rienza. A quel punto ha chiamato il 112 e ha ripetuto tutto ai carabinieri. Pare, dunque, che tra i due fosse scoppiata una violenta discussione al culmine della quale si sarebbe consumato il delitto.

La Procura di Bolzano indaga al momento per omicidio volontario. Le ipotesi sul tavolo sono svariate, ma nelle ultime ore ha preso piede soprattutto quella di un possibile retroscena satanista. Il ritrovamento di un teschio nell’appartamento della vittima, nel quale è stato compiuto il delitto, e il fatto che il fermato, secondo foto pubblicate sui social media, avesse tatuato sul braccio il numero ‘666′, cioè il numero della Bestia è un simbolo che nel cristianesimo indica un personaggio satanico, hanno alimentato i sospetti. La Procura ha però precisato che “sul movente non ci sono ancora elementi” utili. L’appartamento è stato posto sotto sequestro. Il condizionale è dunque d’obbligo. Intanto, queste voci sono state smentite dai genitori della vittima, secondo i quali, come riporta La Repubblica, il teschio è una solo una specie di soprammobile di plastica, nient’altro. Anzi descrivono il figlio come ragazzo “timido e buono”, che in passato “ha compiuto qualche errore come tanti ragazzi”. Maggiori dettagli su ciò che è successo potranno essere svelati da Oskar Kozlowski che sarà sentito per l’interrogatorio di garanzia.

Articolo PrecedenteDonna uccisa a coltellate sul balcone di casa a Roma: arrestato il compagno
Prossimo ArticoloTredicenne uccisa dopo un tentativo di stupro, dopo 66 anni Lucia Mantione ha avuto il suo funerale
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.