Taranto, trovato impiccato Antonio Granata: aveva ucciso a coltellate moglie e suocera

0
Taranto, trovato impiccato Antonio Granata: aveva ucciso a coltellate moglie e suocera.

Taranto, trovato impiccato Antonio Granata: aveva ucciso a coltellate moglie e suocera. Antonio Granata, l’uomo di Massafra, in provincia di Taranto, che ha ucciso la moglie, Carolina Bruno, di 65 anni, e la suocera Lorenza Addolorata Carano, di 92, si è tolto la vita impiccandosi a Palagiano, a una manciata di chilometri dal luogo del delitto. Il corpo è stato trovato questa mattina dai carabinieri.

Antonio Granata, l’uomo di Massafra, in provincia di Taranto, che ha ucciso la moglie, Carolina Bruno, di 65 anni, e la suocera Lorenza Addolorata Carano, di 92, si è tolto la vita impiccandosi a Palagiano, a una manciata di chilometri dal luogo del delitto. A ritrovare il corpo del sessantunenne sono stati questa mattina i carabinieri, che gli stavano dando la caccia e che erano stati avvisati proprio da Granata del duplice omicidio.

Granata era in fuga dal tardo pomeriggio; poco prima all’interno di un appartamento in via Da Vinci, nel rione San Francesco, nella zona nord di Massafra, aveva ucciso moglie e suocera colpendole alla gola con un coltello e, si presume, anche un attrezzo da lavoro, come forbici o cesoie. L’assassino si era procurato volontariamente una ferita alla testa, poi aveva chiamato i carabinieri confessando il duplice omicidio poi era fuggito in auto, mentre i militari avevano fatto scattare le ricerche anche nei comuni limitrofi concentrandosi soprattutto nelle campagne.

Il duplice omicidio al culmine di una lite
Stando a quanto accertato finora la causa scatenante del duplice omicidio sarebbe stata una lite furibonda, al culmine della quale Antini Granata si è scagliato contro la moglie Carolina Bruno poi contro la suocera Addolorata Carano, uccidendo entrambe. In serata erano giunti sul posto anche un fratello della Bruno ed un nipote. I fratelli della donna gestiscono una falegnameria a Massafra. “È una tragedia immane che ha colpito la nostra comunità”, ha detto il sindaco di Massafra, Fabrizio Quarto, precisando di aver appreso dell’accaduto dalla Polizia Locale e dalla Compagnia Carabinieri di Massafra. Marito e moglie vivevano tempo fa nell’appartamento al piano superiore; i due non avevano figli. Circa un anno fa i coniugi avevano perso il loro alloggio a un’asta e si erano trasferiti al pianterreno dalla suocera. I vicini raccontano che i litigi erano praticamente all’ordine del giorno.

Uccide moglie e suocera e si suicida, l’arma del delitto era nascosta tra gli abiti nell’armadio. Ci sono però pochi dubbi sul fatto che il coltello sia quello usato da Antonio Granata per uccidere la moglie Carolina Bruno, di 65 anni, e l’anziana madre di questa, la 95enne Lorenza Addolorata. La lama del coltello rivenuto infatti è spezzata nella parte superiore e risulta perfettamente combaciante con l’altra metà di lama rinvenuta la sera stessa del delitto.

Ritrovata l’arma del duplice omicidio di Massafra, il coltello usato da Antonio Granata per uccidere la moglie e la suocera lo scorso 15 marzo prima di suicidarsi. La lama è stata rinvenuta dagli inquirenti nell’appartamento in cui omicida e vittime vivevano insieme in provincia di Taranto. Era nascosta tra alcuni vestiti nell’armadio della camera da letto in cui è stata trovata una delle due vittime gli esperti della scientifica hanno esaminare a fondo la stanza per rinvenirlo. Il coltello con tracce di sangue sarà ora sottoposto ad accertamenti tecnici, dattiloscopici e di campionamento del Dna rinvenuto. Come spiegano gli stessi investigatori, ci sono però pochi dubbi sul fatto che il coltello sia quello usato per uccidere Carolina Bruno, di 65 anni, e l’anziana madre, la 95enne Lorenza Addolorata.

La lama del coltello rivenuto infatti è spezzata nella parte superiore e risulta perfettamente combaciante con l’altra metà di lama rinvenuta la sera stessa del delitto nel corso dei rilievi di polizia scientifica sul luogo del duplice omicidio. Come ricostruito finora, quella sera il 61enne Antonio Granata ha ucciso la moglie e la suocera prima di telefonare ai carabinieri confessando il duplice omicidio e darsi alla fuga. Non si sa se l’uomo a quel punto avesse già deciso di suicidarsi o la scelta del tragico gesto sia arrivata dopo aver capito di non avere vie di fuga. Durante le ricerche da parte dei carabinieri, infatti, il sessantunenne si è tolto la vita impiccandosi a un albero di ulivo.

In base a testimonianze e ricostruzioni documentali degli ultimi mesi di vita dei tre, la tragedia famigliare sembra essere maturata nell’ambito di gravi problemi di natura economica che avevano sfasciato la coppia. Circa un anno fa infatti i coniugi avevano perso il loro alloggio all’asta e si erano dovuti trasferire al pianterreno dello stesso stabile di via Leonardo Da Vinci dove si è consumato il delitto, dalla suocera. Qui infatti sono iniziati lunghi litigi che, a detta dei vicini, erano ormai all’ordine del giorno.

Articolo PrecedenteTre minorenni volevano ucciderlo impiccandolo, il cane Tyrion muore nonostante i soccorsi
Prossimo ArticoloBenno Neumair, il presagio dei coniugi uccisi: avevano fatto sparire tutti i coltelli
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.