Svezia, no al lockdown contro il coronavirus. Esperti avvertono: “Ci portano alla catastrofe”

0

Svezia. La Svezia sta affrontando la pandemia di coronavirus in maniera diversa rispetto a quanto sta accadendo nel resto del mondo. Bar, ristoranti, cinema, stazioni sciistiche e alcune scuole restano aperti, anche se il governo ha dato ai cittadini delle indicazioni per contenere i contagi. Indicazioni che però, secondo molti, non sarebbero sufficienti.

Praticamente ovunque, a causa della pandemia di coronavirus, sono state adottate misure stringenti per limitare la diffusione del contagio. Prima in Asia, poi in Europa e America, sono svariati i Paesi in “lockdown” come l’Italia, ma nel vecchio continente ce n’è uno che fa eccezione. È la Svezia, dove per il momento la vita va avanti più o meno come al solito. Finora nel Paese sono oltre quattromila i casi accertati di coronavirus e poco meno di duecento i morti per Covid-19, ma ciononostante sono ancora aperti i ristoranti, i bar, i cinema, gli impianti sciistici e alcune scuole. Qualche misura è stata adottata – ad esempio sono vietati gli assembramenti con più di 50 persone – ma sicuramente per ora c’è una libertà maggiore rispetto al resto dell’Europa. Il perché di questa “assenza” di divieti? Tutto si basa su una grande fiducia del governo nei suoi cittadini, che hanno avuto delle indicazioni per tentare di contenere i contagi. Le “regole” al momento in vigore in Svezia dicono per esempio che chi è malato deve isolarsi, che è preferibile se possibile lavorare da casa, di evitare visite non necessarie agli anziani e anche di evitare, se possibile, viaggi all’interno del Paese. Raccomandazioni per i cittadini insomma, col governo che insiste sulla responsabilità personale delle persone.

Petizione per chiedere alla Svezia misure più stringenti contro il Coronavirus
Secondo l’epidemiologo Anders Tegnell, capo dell’ente svedese di salute pubblica, le persone sarebbero in grado di fare quel che è giusto per le loro vite. Ma non tutti sono d’accordo con questa assenza di divieti nel corso di una emergenza sanitaria come questa che il mondo intero sta affrontando. Diversi esperti, svedesi e non, non a caso hanno criticato il governo svedese e in particolare oltre duemila tra dottori, professori e scienziati hanno firmato una petizione per chiedere misure più stringenti. “Ci stanno portando verso una catastrofe”, ha detto Cecilia Söderberg-Nauclér, immunologa e ricercatrice presso il Karolinska Institute. Le critiche riguardano il fatto che senza forti restrizioni ai movimenti il virus rischia di diffondersi ancora più velocemente, creando poi gravi problemi agli ospedali. Cosa ne pensano intanto gli svedesi? Secondo recenti sondaggi citati dal New York Times, la maggioranza è a favore delle scelte finora fatte dal governo e solo il 14 per cento di loro ha detto di ritenere che sia stato fatto troppo poco.

 

 

Articolo PrecedenteLucjan, 28 anni, positivo al coronavirus: era stato dimesso ma è morto a casa
Prossimo ArticoloSvelati nomi e dati bancari, caos totale al sito Inps
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.