Suburra, ecco come cambierà: parlano i protagonisti impegnati sul set della seconda serie

0

Nella seconda stagione della serie, i protagonisti cresceranno, diventeranno sempre più spietati nel tentativo di conquistare non più Ostia, ma il centro di Roma.

Alessandro Borghi (Aureliano), Giacomo Ferrara (Spadino), Eduardo Valdarnini (Lele) raccontano come evolveranno i loro personaggi in Suburra 2, nel 2019 su Netflix

 Tra un ciak e l’altro delle riprese di Suburra 2 in corso a Roma, i protagonisti Alessandro Borghi, volto di Aureliano,Giacomo Ferrara, Spadino ed Eduardo Valdarnini, Lele raccontano cosa succederà ai loro personaggi

Come evolveranno i vostri personaggi?

Borghi/Aureliano: «La prima stagione è stata come un romanzo di formazione di tre ragazzi, costretti a barcamenarsi in un mondo più grande di loro. Nella seconda sono più consapevoli»

Ferrara/Spadino: «Se nella prima stagione erano focalizzati a trovare il loro posto nel mondo, stavolta fanno scelte di vita che li portano verso una linea dritta. Spadino ha fatto finalmente la sua scelta: è “zingaro e frocio”, prima lo rinnegava, ora cerca di portare avanti entrambe le sue convinzioni».

Quale sarà il loro obiettivo in questa seconda stagione?

Borghi: «Conquistare Roma».

Nell’ultima puntata della scorsa serie Lele decideva di entrare in polizia, una scelta che porterà avanti?

Eduardo Valdarnini/Lele: «Lele si trova in polizia, ma è ancora invischiato con il suo vecchio mondo. Se diventa viceispettore è grazie allo zampino di Samurai. Acquisisce nuovo potere, però ha anche una nuova idea di gestione del potere».

Sono tutti più spietati?

Borghi: «Il target diventa più alto e si alza la posta in gioco».

Ferrara: «Diciamo che i nostri personaggi diventano più chirurgici».

È cambiato il vostro approccio nei confronti dei personaggi dopo il successo della prima serie?

Borghi: «Certamente l’approccio è diverso. Aureliano ha anche cambiato completamente look, mi vedete, sembro il nonno di quello della prima stagione. Lo guardo con un altro occhio e un’altra consapevolezza. Noi attori abbiamo l’ossessione di voler mostrare sempre qualcosa di diverso, e credo di aver trovato la chiave per mostrare un altro Aureliano».

Ferrara:«Ora abbiamo più opportunità per raccontare nuove sfumature dei nostri personaggi».

Sulla solita polemica del fascino del male che scatenano serie come queste, cosa rispondete?

Ferrara: «Che i nostri sono degli antieroi da cui bisogna prendere le distanze».

Per recitare in film così nascere in periferia aiuta?

Borghi:«Io sono cresciuto alla Magliana, ho vissuto alla Rustica e ho un ristorante ai Parioli, ma credo che ognuno si senta a proprio agio in certe realtà: ho avuto la fortuna immensa di avere a che fare con la strada. So guardare certe realtà con occhi diversi, veri. Ora va di moda prendere una telecamera, andare in periferia e girare un film, ma se non sai come guardarla è tutto inutile».

Suburra è realtà o finzione?

Borghi:«Mescoliamo i due mondi, noi per esempio raccontiamo che un sindaco eletto sta a cena con i Casamonica. Ecco, poi vai a vedere se è successo in realtà… ».

Quante altre Suburra siete disposti a fare?

Ferrara: «Per ora resto focalizzato su questa. Poi vediamo. Preferisco pensare a una cosa per volta, se penso alla giostra che c’è intorno diventa tutto troppo grande».

Borghi: «Se mi promettono che mi fanno fare Stranger Thingsfirmo per altre tre serie».

Sentite la responsabilità di essere parte di un successo internazionale?

Borghi: «Altroché, qua si respira aria internazionale, un giorno potrebbero anche chiamarmi per fare Superman».

Articolo PrecedentePolemica su «Insatiable» di Netflix «No alla serie sul body shaming»
Prossimo ArticoloGomorra 4. L’annuncio di Marco D’Amore: «La mia ultima volta»
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.