Strangolano il nipote di 2 anni e gettano il corpicino nella stufa: “Piangeva troppo”

0
Strangolano il nipote di 2 anni e gettano il corpicino nella stufa.

Strangolano il nipote di 2 anni e gettano il corpicino nella stufa. A fare la scoperta choc sono stati i genitori del piccolo Dima, Maria e Dmitry Shcherbakovy, di 20 e 25 anni. La coppia che vive in Russia era andata a casa dei nonni per prelevare il figlio, ma hanno trovato solo i vestiti del bimbo. Usciti di casa, si sono poi accorti dei resti del piccolino nella neve…

Una storia dell’orrore quella che arriva dalla Russia. Una coppia di nonni è accusata di avere strangolato il nipotino di due anni e di aver poi gettato il corpo del piccolo nella stufa. La causa dell’orribile gesto sarebbe stato il pianto insistente del bambino. I nonni, di 52 e 48 anni, successivamente avrebbero tirato fuori dalla stufa i resti del nipotino per scaricarli nella neve. La polizia ha confermato. A fare la drammatica scoperta sono sono stati genitori del piccolo Dima – Maria e Dmitry Shcherbakovy, di 20 e 25 anni – che alle autorità hanno raccontato di essere andati a casa dei nonni per prendere il figlioletto, ma di avere trovato solo i suoi vestiti. Uscendo di casa nel tentativo disperato di trovare il loro bambino hanno scoperto il cadavere carbonizzato tra la neve a -20 gradi.

Ucciso dai nonni perchè piangeva troppo

Le autorità legali russe hanno spiegato: “Hanno localizzato i vestiti del bambino in casa, ma non lui. Accanto alla casa i genitori hanno trovato il corpicino del figlio nella neve, e hanno chiamato investigatori e polizia. L’analisi forense stabilirà il motivo esatto del decesso. Secondo quanto riporta il Sun i nonni si sarebbero in qualche modo “difesi” cercando di dare la colpa ai capricci del nipotino: “Eravamo irritati”, e visto che il bimbo non voleva smettere di frignare lo avrebbero prima ucciso, mettendogli le mani al collo, quindi avrebbero tentato di sbarazzarsi del corpo. I nonni sono stati arrestati ed ora sono in attesa di processo. L’altra nonna del bambino ha scritto su Facebook: “Il nostro povero bambino, come abbiamo potuto non salvarti?”

Articolo PrecedenteLe prime dosi del vaccino anti Covid in Europa saranno somministrate dal 27 dicembre: è ufficiale
Prossimo ArticoloTravolto sulla Pontina, la vittima è Christian Ricci: era sceso dalla macchina per un guasto
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.