Strage nel Padovano, l’autopsia: Francesca braccata dal padre e colpita con più coltellate

0
Strage nel Padovano, l’autopsia: Francesca braccata dal padre e colpita con più coltellate.

Strage nel Padovano, l’autopsia: Francesca braccata dal padre e colpita con più coltellate. Ha tentato di fuggire, si è difesa, ha parato le braccia per schermarsi dalle coltellate del padre. È agghiacciante la dinamica dell’uccisione di Francesca Pontin emersa in queste ore dai primi risultati dell’autopsia. L’esame è stato condotto martedì sui corpi di Francesca (15 anni), del fratello Pietro (13) e del padre Alessandro Pontin, quest’ultimo sottoposto anche a esame tossicologico per verificare l’assunzione di sostanze.

Ha tentato di fuggire, si è difesa, ha parato le braccia per schermarsi dalle coltellate del padre. È agghiacciante la dinamica dell’uccisione di Francesca Pontin emersa in queste ore dai primi risultati dell’autopsia affidata al medico legale Giovanni Cecchetto. L’esame, condotto nel pomeriggio di martedì sui corpi di Francesca (15 anni) del fratello Pietro (13) e del padre Alessandro Pontin, ha evidenziato una molteplicità di ferite da coltello sul corpo della ragazzina, soprattutto sulle braccia, e una ferita letale alla gola. Ancora da chiarire la dinamica del ferimento del piccolo Pietro, attinto, lui pure, da un fendente mortale alla gola.

Le macchia da strisciamento di sangue nella villa della mattanza, a Trebaseleghe (Padova) avevano già suggerito una dinamica di inseguimento e aggressione, ma saranno gli esami medico legali, una volta ultimati, a descrivere con esattezza le modalità dell’omicidio di Pietro e Francesca. In corso anche l’autopsia sul corpo di Alessandro Pontin, l’autore della strage morto sucida dopo aver lasciato un biglietto. A differenza delle vittime, sul suo corpo verranno effettuati anche gli esami tossicologici per stabilire se fosse sotto l’effetto di droghe o farmaci. Una volta terminate tutte e tre le autopsie le informazioni verranno depositate sul tavolo del pm Sergio Dini, responsabile dell’indagine.

Roberta Calzarotto, la madre dei ragazzi, ha rilasciato in queste ore un’intervista in cui spiega di aver segnalato i comportamenti anomali dell’ex marito e di averlo denunciato (salvo poi ritirare la querela) per il mancato pagamento degli alimenti. “Lo ha fatto per colpire me” ha detto Roberta, che dall’omicida era separata ormai da 10 anni. “Non ci eravamo lasciati bene, ma doveva lasciarmi almeno i figli”, ha commentato. A parte il contenzioso per gli alimenti, emerso in queste ore, non ci sarebbero altri dissidi. Pontin lavorava come falegname, era fidanzato da sei mesi, aveva avuto problemi economici con il lockdown, ma sembrava esserseli lasciati alle spalle. Anche per la compagna si è trattato di una tragedia inaspettata. “Da sei mesi amo un uomo che non tornerà più a casa, non giudicate”, ha scritto sui socialdopo l’ondata di critiche che l’ha raggiunta alla notizia della strage.

Uccide i figli a coltellate, il diario del padre omicida: “Il mondo mi osserva e giudica”. “Vivo nel giudizio costante di tutti”. Sono le parole che Alessandro Pontin, l’uomo che domenica scorsa si è tolto la vita dopo aver ucciso i figli a coltellate a Trebaseleghe, aveva scritto su una serie di fogli sequestrati dagli inquirenti nella casa del massacro nel piccolo comune del Padovano. Poche frasi dalle quali si evince lo stato d’animo del 49enne. “Vengo giudicato dal mondo che mi osserva e mi critica”.

“Vivo nel giudizio costante di tutti”. Sono le parole che Alessandro Pontin, l’uomo che domenica scorsa si è tolto la vita dopo aver ucciso i figli a coltellate a Trebaseleghe, aveva scritto su una serie di fogli sequestrati dagli inquirenti nella casa del massacro nel piccolo comune del Padovano. Poche frasi dalle quali si evince lo stato d’animo del 49enne. “Vengo giudicato dal mondo che mi osserva e mi critica” si legge nei fogli scritti a mano. Sul carattere e i comportamenti del 49enne ha deposto Roberta Calzarotto, (47 anni), ex moglie e madre di Franscesca e Pietro, le vittime.  L’infermiera di San Giorgio delle Pertiche è stata ascoltata per diverse ore dai militari nella caserma di Trebaseleghe.

Lucida, sebbene estremamente provata, la mamma dei ragazzi ha descritto il suo rapporto con Pontin, terminato ben dieci anni fa, come una relazione problematica. “Alessandro aveva qualche problema con l’alcol, qualche volta era ritornato a casa ubriaco”. Nel 2007 c’era stato anche un intervento dei carabinieri per riportare per contenere Pintin, dopo che aveva esagerato con l’alcol. Il falegname, aveva poi smesso di bere.”Nel 2015 ho chiesto la separazione, non ho mai parlato male con Francesca e Pietro di loro papà, nemmeno quando l’avevo denunciato perché non pagava i 200 euro pattuiti con il giudice”.

“Per qualche tempo non ha pagato gli alimenti, vedeva i nostri figli un po’ quando gli pareva, poi le cose si sono sistemate quando ha racimolato i soldi che mi doveva” spiega Roberta, che ha ritirato la querela sporta contro l’ex quando questi ha saldato il debito per gli alimenti non pagati.  La donna ha descritto un padre autoritario che i ragazzi non avevano voglia di vedere, ma mai violento. “Sabato pomeriggio li ho accompagnati a casa del padre poi non li ho più sentiti. Di certo non potevo neanche lontanamente immaginare quello che sarebbe accaduto la mattina successiva”.

Articolo PrecedenteColpito dal Covid a 8 anni. La mamma: “Non sottovalutatelo, abbiamo vissuto un incubo”
Prossimo ArticoloCOVID, IL FISICO BATTISTON: “RISCHIO TERZA ONDATA IN PUGLIA, SARDEGNA, TRENTINO E VENETO”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.