Spotify segue la moda e lancia una versione Lite su Android, forse anche troppo “lite

0
PARIS, FRANCE - JANUARY 06: In this photo illustration, the logo of the Swedish music streaming service Spotify is displayed on the screen of an iPhone on January 06, 2017 in Paris, France. Spotify announced, via a tweet published Thursday, that it now has 70 million paid subscribers. As a comparison, in September, Apple Music claimed 30 million subscribers and Deezer had fewer than 10 million subscribers. Spotify, the world's largest streaming music company, is expected to be listed on the Wall Street stock market in the first quarter of 2018. (Photo by Chesnot/Getty Images)

Spotify Lite è disponibile per Android, ed è esattamente ciò che suggerisce il nome. Una versione alleggerita dell’app di Spotify, anche se così leggera che perde diverse funzioni dell’app originale

Al momento infatti Spotify Lite è un test, come recita chiaramente la sua pagina sul Play Store. Non è quindi un rimpiazzo per l’app di Spotify che avete conosciuto finora, soprattutto se siete utenti Premium.

Ad esempio non è possibile selezionare singole canzoni da una playlist, ma potrete solo usare la modalità riproduzione casuale, e non potrete nemmeno modificare l’ordine di riproduzione (ma potrete aggiungere nuove canzoni.

Allo stesso modo, non potete effettuare la ricerca di uno specifico brano per riprodurlo. La ricerca restituisce solo album/playlist, e queste funzionano solo in modalità shuffle. Mana inoltre la riproduzione offline, e non ci sono nemmeno Spotify connect, riproduzione gaplesslast.fm o controlli sulla qualità.

Rimangono le playlist personalizzate, e c’è una funzione di controllo del traffico, che vi permette di impostare un limite oltre il quale Spotify Lite non potrà spingersi. Sembra insomma un’app destinata agli utenti free e per di più con piano dati molto limitato; ah, e non è disponibile in Italia, ma almeno abbiamo l’apk diretto da scaricare.

Articolo PrecedenteFecondazione: primi passi verso l’ovaio artificiale, preserva la fertilità
Prossimo ArticoloGoogle lavora a una sua “console”: è guerra a Xbox e PlayStation
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.