“Sono solo spazzatura”, decine di donne seviziate e ridotte in schiavitù: 9 arresti a Catania

0
“Sono solo spazzatura”, decine di donne seviziate e ridotte in schiavitù.

“Sono solo spazzatura”, decine di donne seviziate e ridotte in schiavitù. L’operazione denominata non a caso “Bokluk”, il termine spazzatura in bulgaro, come gli indagati si rivolgevano alle donne che riducevano in schiavitù, ha portato alla luce uno scenario da incubo con donne vendute e comprate per seimila euro, private di ogni libertà e dei documenti e costrette a vivere in condizioni drammatiche, in abitazioni fatiscenti, con scarso cibo e costrette a prostituirsi.

Quelle donne per loro non erano esseri umani ma solo “spazzatura” da poter trattare come un oggetto qualsiasi e poi gettare via proprio come se fossero dei rifiuti: così i componenti di un gruppo criminale operante a Catania definiva infatti le donne che finivano nella loro rete subendo sevizie e torture continue per essere avviate alla prostituzione. L’orribile scenario fatto di violenza e tortura continua nei confronti di decine di donne straniere è stato scoperto dagli investigatori della polizia di stato a Catania che questa mattina hanno fatto scattare il blitz arrestando i responsabili della tratta di esseri umani. Si tratta di nove persone accusate ora di riduzione in schiavitù e associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, reati aggravati dalla transnazionalità.

L’operazione della polizia di Stato è stata denominata non a caso “Bokluk”, il termine spazzatura in bulgaro, come gli indagati si rivolgevano alle donne che riducevano in schiavitù per sfruttarle nel mondo della prostituzione. L’indagine, condotta dalla sezione Criminalità straniera e prostituzione della Squadra Mobile di Catania e coordinata dal pool di magistrati della Dda catanese, era partita nel giugno dello scorso anno a seguito della denuncia di due ragazze bulgare nei confronti di un’altra cittadina straniera che avrebbe preteso da loro il pagamento di un affitto per occupare la strada nei pressi della stazione ferroviaria, dove le due donne si prostituivano.

L’inchiesta ha portato alla luce uno scenario da incubo con donne vendute e comprate per seimila euro,  private di ogni libertà e dei documenti e costrette a vivere in condizioni drammatiche, in abitazioni fatiscenti e con scarso cibo. Le vittime della tratta poi erano costrette a prostituirsi anche per dieci ore la giorno  in qualsiasi condizione meteorologica e se rifiutavano venivano picchiate e seviziate. Alla testa del gruppo criminale, che ricavava dalle donne circa 1.400 euro la settimana, una coppia che poi si serviva di altre persone tra bulgari e italiani per controllare le vittime.

“Sono solo spazzatura”, decine di donne seviziate e ridotte in schiavitù.

Articolo PrecedenteArriva l’app per il controllo del Green Pass a lavoro: ecco come funzionerà
Prossimo ArticoloGreen pass obbligatorio, Confindustria vuole chiedere i danni ai lavoratori che non lo hanno
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.