Sindrome Mis-c scatenata dal Covid: bimbo di 11 anni grave in ospedale a Padova

0
Sindrome Mis-c scatenata dal Covid: bimbo di 11 anni grave in ospedale a Padova.

Sindrome Mis-c scatenata dal Covid: bimbo di 11 anni grave in ospedale a Padova. Un nuovo filone sanitario collegato alla pandemia da coronavirus sembra si stia sviluppando anche in Veneto, preoccupando i pediatri. Le condizioni del ragazzino si sono aggravate a inizio febbraio ed ora si trova ricoverato nel reparto di pediatria di Padova. La Mis-c è una sindrome infiammatoria multisistemica che colpisce i bambini ed è causata dal Covid-19.

Un ragazzino di 11 anni è ricoverato nel reparto di pediatria di Padova con la sindrome Mis-c scatenata dal Covid-19. Non sarebbe comunque in pericolo di vita. L’undicenne, originario di San Donà, era risultato positivo (in una forma asintomatica) al coronavirus a inizio gennaio, assieme a tutta la famiglia. Dopo circa 4 settimane è cominciato a peggiorare: febbre molto alta e problemi respiratori gravi. Ricoverato in pediatria a San Donà di Piave, i medici gli hanno riscontrato la sindrome infiammatoria, scatenata dal Covid-19.

Preoccupazione in Veneto

Nonostante la negativizzazione al virus i medici hanno confermato la diagnosi di “sindrome Mis-c”, patologia che provoca infiammazioni acute multi-organo con possibili gravi danni al sistema cardio-respiratorio; sindrome ora diventata osservata speciale in Veneto per altri quadri clinici che potrebbero avere caratteristiche che rientrano nel profilo di questa patologia. Quello del bambino di San Donà di Piave, sarebbe il primo caso nel territorio dell’Ulss4. “Mentre si sta confermando la diminuzione dei contagi – ha commentato il commissario dell’azienda territoriale del Veneto Orientale, Carlo Bramezza – dall’altra c’è questa situazione che riguarda i bambini e che ci sta preoccupando. Speriamo si tratti di un caso isolato e che non se ne registrino degli altri”.

Cos’è la Sindrome Mis-C da Covid
Specificano il dottor Roberto Vettor, direttore dell’unità operativa di clinica 3 del Policlinico Universitario di Padova e Anna Maria Cattelan, direttrice dell’unità operativa malattie infettive e tropicali: “Anche in pazienti pediatrici, specie di età inferiore ad 1 anno, è stata riportata una sindrome infiammatoria postinfettiva definita sindrome infiammatoria multisistemica (multi-system inflammatory syndrome, MIS-C) come rara complicanza dell’infezione da SARS-CoV-2”.
“Essa ha caratteristiche simili a quelle della malattia di Kawasaki o alla sindrome da shock tossico. I bambini con MIS-C più comunemente presentano febbre, tachicardia e sintomi gastrointestinali con segni di infiammazione sistemica. Dati recenti dimostrano che anche i pazienti pediatrici, parallelamente a quanto visto nella popolazione adulta, se presentano comorbosità preesitenti come asma, malattie polmonari croniche, disturbi cardiovascolari, emoglobinopatie, possono avere maggiori probabilità di soffrire di COVID grave o addirittura fatale”.

Articolo PrecedenteCosì è stata uccisa Piera Napoli, l’autopsia: “Massacrata da decine di coltellate, ha provato a lottare”
Prossimo ArticoloOmicidio coppia di Bolzano, resta in carcere Benno Neumair
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.