Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo: A68 non esiste più, era diventato una “star” del web

0
Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo.

Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo. E così, alla fine, si è sciolto l’iceberg più grande del mondo, diventato una star dei social media e noto con il nome di A68. Era grande circa 6.000 km quadrati (più o come quanto la Liguria), pesava quasi un miliardo di tonnellate e si era staccato dall’Antartide nel 2017. Si era anche temuto che potesse toccare i territori britannici della Georgia del Sud con conseguenze drammatiche per la fauna.

Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo. A68, come era ormai conosciuto, copriva un’area di quasi 6.000 kmq quando si è staccato dall’Antartide nel 2017; praticamente le dimensioni di un piccolo Paese o di una regione (la Palestina o la Liguria, tanto per farsi un’idea). Secondo il National Ice Center degli Stati Uniti si è ormai frantumati in migliaia di piccoli pezzi che non valgono più la pena di essere monitorati. Nel luglio di quattro anni, membri del progetto MIDAS, un progetto di monitoraggio delle piattaforme glaciali finanziato dalla NASA, ne avevano annunciato distacco dalla piattaforma Larsen C. L’iceberg era però diventato famoso solo quando, dopo un anno in cui non si era praticamente mosso, aveva cominciato a spostarsi verso nord con una velocità crescente, cavalcando forti correnti e venti. Il blocco da un miliardo di tonnellate ha quindi preso una rotta familiare, roteando nell’Atlantico meridionale verso il territorio britannico d’oltremare della Georgia del Sud, la piccola isola dove molti dei più grandi iceberg vanno a morire.

A68 è andato definitivamente in pezzi

Ma A68 in qualche modo è riuscito a sfuggire a quel particolare destino. Sono state le onde, l’acqua calda e le temperature dell’aria più elevate nell’Atlantico che alla fine lo hanno consumato. Si è semplicemente frantumato in frammenti sempre più piccoli. “È incredibile che A68 sia durato così a lungo” , ha detto a BBC News Adrian Luckman, della Swansea University . “Se pensate al rapporto di spessore – è come quattro fogli di carta A4 impilati uno sopra l’altro. Quindi era incredibilmente flessibile e fragile mentre si muoveva nell’oceano. È durata per anni così. Ma alla fine si è rotto in quattro o cinque pezzi e poi anche quelli si sono sciolti”.

L’iceberg diventato famoso
A68 sarà probabilmente ricordato come il primo iceberg a diventare una star sui social media. Persone in tutto il mondo hanno condiviso le immagini satellitari online, soprattutto quando il blocco si avvicinava alla Georgia del Sud. Quel che temevano gli esperti è che raggiungendo l’isola, avrebbe impedito ai pinguini di procacciarsi il cibo lungo la costa. “A68 ​​ha attirato l’attenzione di molte persone diverse”, ha commentato Laura Gerrish, specialista di mappe del British Antarctic Survey (BAS) . “Abbiamo visto ogni piccola svolta e movimento. Siamo stati in grado di seguire i suoi progressi con immagini satellitari giornaliere, a un livello di dettaglio che non eravamo davvero stati in grado di fare prima”.

Articolo PrecedenteCimiteri al collasso, il calvario di Lorella: “Mio marito in un deposito da mesi, dolore infinito”
Prossimo ArticoloRagazzo pestato a Colleferro, arrestati sono lottatori di MMA: “Picchiato perché ha difeso un amico”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.