Scuola, i presidi ai genitori: “Meno chat WhatsApp per fermare la violenza”

0

In un documento dei dirigenti scolastici e dei pediatri il vademecum per combattere lʼaggressività di mamme e papà contro i docenti

Siamo ai corsi di sopravvivenza per i docenti, dopo gli scontri arrivati anche alla violenza fisica tra genitori e professori. Il livello di aggressività a scuola sta crescendo in maniera preoccupante e i presidi puntano il dito anche contro le chat su WhatsApp tra mamme e papà, che diventano veicoli di rabbia e accuse nei confronti degli insegnanti.

Frenare la rabbia – I dirigenti scolastici hanno dunque redatto un documento in collaborazione con i pediatri per frenare l’aggressività dei genitori creando un sito ad hoc, eTutorWeb, scrive il “Messaggero”, e sono in fase di preparazione i corsi di sopravvivenza per docenti con l’aiuto del policlinico Gemelli e della polizia postale, su iniziativa dell’Associazione nazionale presidi di Roma e Lazio.

Tra le fonti di rabbia e aggressività vengono individuate proprio le chat tra genitori, dove ci si incita a vicenda provocando un’escalation dei sentimenti di ostilità contro i docenti.

Il vadmecum anti-aggressività – Presidi e pediatri hanno quindi elencato le cinque regole che i genitori dovrebbero seguire prima di buttarsi a chattare. Innanzitutto riflettere prima di giudicare un fatto ed esprimere la propria opinione. In secondo luogo evitare il vittimismo, atteggiamento che evita di affrontare le difficoltà. Cercare poi di risolvere i problemi con il dialogo e non con lo scontro. Considerare sempre con attenzione le segnalazioni degli insegnanti, senza sottovalutarle. E infine evitare l'”ansia da notifica”. Ogni tanto fa anche bene silenziare il gruppo WhatsApp.

I limiti di WhatsApp – Perché proprio WhatsApp, sottolinea Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, “nato per favorire la comunicazione paradossalmente può creare un cortocircuito comunicativo: i gruppi di genitori spesso sono ansiogeni ed esasperano la razionalità” in un contesto in cui viene a mancare il principio di autorità “perché non si rispettano più le persone che sono investite di una carica”.

Le aggressioni fisiche sono quelle che fanno notizia, ma troppo diffuse sono anche quelle verbali al limite del mobbing e dello stalking, che si esercitano anche attraverso i gruppi social. Che, ogni tanto, vanno silenziati.

Articolo PrecedenteCross House – Festeggia con grande successo il suo primo evento
Prossimo ArticoloLe chat di Whatsapp per segnalare i posti di blocco: indagine dei vigili
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.