Saviano insiste e sfida Salvini: “Difendo la Carta col mio corpo”

0

Lo scrittore Roberto Saviano iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Roma. L’accusa è di diffamazione: “La affronto a testa alta”

Roberto Saviano insiste. E torna a attaccare Matteo Salvini nel giorno in cui la procura di Roma lo ha iscritto nel registro degli indagati per diffamazione dopo la querela, su carta intestata del Viminale, depositata dal ministro dell’Interno lo scorso 19 luglio.

Oggi la procura ha aperto un fascicolo di inchiesta per quelle affermazioni fatte dallo scrittore e raccolte del leader della Lega in un dettaliato dossier consegnato nelle mani della procura.

Dopo la notizia dell’indagine a suo carico, l’autore di Gomorra è tornato ad attaccare il suo “nemico” politico con un post su Facebook. Come foto Saviano ha scelto la copertina del Ministro della Mala Vita di Salvemini e si è detto pronto a immolarsi pur di contrastare l’avanzata del segretario del Carroccio. In fondo era stato lui stesso a chiamare a raccolta gli intellettuali italiani contro il ministro dell’Interno.

Affronterò la querela del Ministro della Mala Vita a testa alta – ha scritto l’autore di Gomorra su Facebook – Dobbiamo mettere i nostri corpi a difesa della Costituzione e della libertà di pensiero. Non indietreggio di un passo nella critica al suo operato. Io non ho paura, non ne ho mai avuta“.

Sulla notizia dell’apertura delle indagini, invece, Matteo Salvini non si è mostrato sorpreso. “Mi sembra il minimo”, ha detto. “Io adoro la critica, ma se uno mi dà del mafioso dell’assassino, complice dell’ndrangheta, ne paga le conseguenze: quella non è critica politica, quello è insulto“. E ancora: “Spero che ci sia un giudice che rapidamente riconosca che qualcuno ha sbagliato. Poi a me non interessano i soldi di Saviano: se me ne venisse in tasca una lira, la devolvo in beneficenza. Però è giusto che qualcuno si prenda le responsabilità di quello che dice“.

nnnn

Articolo PrecedenteWhatsApp si prepara a supportare l’anteprima delle foto nelle notifiche
Prossimo ArticoloBerlusconi: “Governo più a sinistra della Storia, finirà presto”. A Salvini: “Blocchi decreto dignità”. Il vicepremier: “No”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.