Sara Pedri, urla e schiaffi sulle mani per punizione davanti ai pazienti: trasferito il primario

0
Sara Pedri, urla e schiaffi sulle mani per punizione davanti ai pazienti.

Sara Pedri, urla e schiaffi sulle mani per punizione davanti ai pazienti. “Dalla documentazione emergono fatti oggettivi e una situazione di reparto critica” sono le conclusioni dell’inchiesta dell’asl di Trento sul reperto di ginecologia dell’ospedale Santa Chiara avviata dopo la scomparsa della ginecologa forlivese Sara Pedri. “È un primo passo importante” spiegano dalla famiglia della dottoressa ricordando le continue vessazioni a cui sarebbe stata sottoposta.

Nel reparto di ginecologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento sono emersi “fatti oggettivi e una situazione di reparto critica”, con questa motivazione l’azienda sanitaria trentina ha deciso che a guidare l’unità da lunedì 12 luglio non sarà più il primario Saverio Tateo, trasferito insieme a un’altra dirigente medica. La decisione arriva dopo una inchiesta interna avviata dopo la scomparsa della ginecologa forlivese Sara Pedri che si ritiene sia morta suicida proprio per le vessazioni subite durante il lavoro quotidiano in reparto. “Dalla documentazione emergono fatti oggettivi e una situazione di reparto critica che rende necessario, dal 12 luglio, il trasferimento del direttore dell’unità di ostetricia e ginecologia ad altra unità e di un altro dirigente medico ad altra struttura ospedaliera dell’Azienda sanitaria”, si legge infatti nel comunicato diffuso dall’Asl che conferma quanto ricostruito nei giorni scorsi a seguito dei numerosi racconti degli operatori sanitari.

Sara Pedri, urla e schiaffi sulle mani per punizione davanti ai pazienti.

Sul futuro dei due dirigenti sanitari deciderà però ora l’ufficio procedimenti disciplinari dell’Asl che dovrà valutare i provvedimenti da prendere e trovare sostituti per i dirigenti spostati. Il reparto intanto è stato affidato al direttore della struttura analoga di Rovereto, Fabrizio Taddei. “È un primo passo importante, un calderone che andava scoperchiato” perché “una pluralità di dichiarazioni, provenienti da soggetti che operavano nella struttura, descrivevano l’ambiente in cui lavorava Sara come una vera e propria polveriera” ha dichiarato a caldo dopo la notizia l’avvocato Nicodemo Gentile, legale della famiglia di Sara Pedri. Lo stesso avvocato ha sottolineato ancora una volta il clima di terrore denunciato più volte dalla stessa dottoressa scomparsa in vari messaggi e lettere e che aveva portato la ginecologa a perdere oltre dieci chili in poco tempo.

Secondo la famiglia, nel reparto erano all’ordine del giorno urla continue e punizioni per ogni minima questione, un vero e proprio clima oppressivo che aveva poto l’unità ad avere un turn over spaventoso: alla prima occasione chi poteva chiedeva il trasferimento. “Le diedero una settimana di congedo dal lavoro perché stava male. Aveva diritto a quindici giorni, ma aveva paura di perdere il posto. Dopo quei 7 giorni è stata demansionata. Si era convinta di essere responsabile di quanto accadeva” ha denunciato la sorella di Sara. Tra i vari episodi il legale cita quello quando “Sara venne allontanata dalla sala operatoria e ricevette uno schiaffo sulle mani”. “Rimane amarezza nel leggere di fatti oggettivi riscontrati. Servivano interventi a tempo debito” ha concluso il legale.

Sara Pedri, urla e schiaffi sulle mani per punizione davanti ai pazienti.

 

Articolo PrecedenteCuneo, madre e figlio morti nella loro panetteria: avvelenati da monossido di carbonio
Prossimo ArticoloGioca in giardino e cade nella piscina, bimbo di 2 anni trovato riverso in acqua a Palermo: è grave
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.