Rosina uccisa in casa, la figlia indagata per omicidio: “Posso girare a testa alta”

0
Rosina uccisa in casa, la figlia indagata per omicidio.

Rosina uccisa in casa, la figlia indagata per omicidio. “Posso girare a testa alta, perché so di essere nel giusto”, così Arianna Orazi, la figlia della 78enne uccisa in casa la notte della vigilia di Natale, a Montecassiano, nel Maceratese. La donna – indagata per omicidio e simulazione di reato – continua a sostenere che a uccidere l’anziana madre mentre loro erano in casa sarebbe stato un estraneo, durante una rapina.

“Posso girare a testa alta, perché so di essere nel giusto”, così Arianna Orazi, la figlia di Rosina Cassetti, la  78enne uccisa in casa la notte della vigilia di Natale, a Montecassiano, nel Maceratese. La donna – indagata per omicidio e simulazione di reato – continua a sostenere che a uccidere l’anziana madre mentre loro erano in casa sarebbe stato un estraneo, durante una rapina. Versione sulla quale gli inquirenti stanno svolgendo tutti gli accertamenti del caso. Ieri, infatti, i tecnici informatici hanno effettuato ulteriori accertamenti nella villetta di via Pertini, mentre va avanti l’esame delle telecamere della zona. Lo scopo è quello di identificare il misterioso aggressore descritto da Arianna Orazi, da suo padre Enrico.

Si tratterebbe di un uomo vestito di nero e con un cappellino in testa che avrebbe fatto irruzione in casa. L’intruso li avrebbe immobilizzati per poi salire al piano di sopra dove Rosina è stata trovata cadavere e dove, benché fosse la sera di Natale, non c’erano tracce della preparazione della cena, in cucina. L’uomo avrebbe trattenuto Arianna, la figlia, con un cavo elettrico, tappandole la bocca con un calzino. Poi avrebbe legato e chiuso in bagno Enrico Orazi. Padre e figlia sarebbero stati soccorsi e liberati al ritorno di, Enea, figlio ventenne di Arianna. Nulla da fare per Rosina.

Del rapinatore, però, in casa, non ci sono tracce. Lo hanno stabilito i rilievi dei tecnici che non hanno rintracciato né segni di effrazione né tracce riconducibili a persone esterne al nucleo. “Non lo stanno cercando” ribatte Arianna Orazi, che ieri è tornata al negozio di famiglia, come sempre. “Quello che ho detto è tutta la verità. Era un solo rapinatore – dice ancora a Il Resto del Carlino – Io e mio padre siamo stati legati e picchiati. Come è avvenuta l’aggressione? Non lo posso dire, non mi va. Sono a pezzi. Oltre al dispiacere per la morte di mia madre, dobbiamo subire pure tutto questo. Spero finisca presto. Il modo in cui ci accusano è davvero brutto. Non conta la violenza che abbiamo subito noi?” Quali lesioni avete riportato? “No, non posso dire niente”.

Articolo PrecedenteL’annuncio dell’Ema: “Improbabile che il vaccino Oxford-AstraZeneca sarà approvato entro gennaio”
Prossimo ArticoloTragedia a Napoli, positiva al Covid non risponde ai parenti: la trovano morta in casa
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.