La donna è finita in ospedale con lesioni e traumi in diverse parti del corpo, venendo dimessa con una prognosi di venti giorni a causa delle percosse inferte dai figli. Rintracciati questi ultimi due, un 55enne e una 60enne, sono stati denunciati a piede libero e non potranno avvicinarsi alla casa di famiglia né alla madre.

Un pomeriggio di follia  domenica 9 febbraio – in un’abitazione di Rocca di Papa, comune dei Castelli Romani, dove un’anziana signora di 80 anni è stata aggredita dai due figli, al culmine di un litigio per motivi di eredità. Da quanto ricostruito i due fratelli, un 55enne a una 60enne, successivamente identificati e denunciati a piede libero dai carabinieri della stazione locale, avrebbero picchiato la madre dopo un lite sulla spartizione dei beni, pretendendo di farsi intestare l’abitazione di famiglia. I due fratelli dovranno rispondere dell’accusa di tentata estorsione e lesioni personali, e sono stati raggiunti da un provvedimento d’urgenza che ne dispone l’allontanamento dall’abitazione, la stessa che pretendevano gli fosse intestata, e il divieto di avvicinarsi alla madre.

L’anziana finisce in ospedale e denuncia i figli: “Sono stati loro”
L’anziana signora è stata costretta a ricorrere alle cure mediche dopo l’aggressione subita, e proprio dopo essere stata medicata ha sporto denuncia contro i figli, che sono stati immediatamente rintracciati e deferiti all’autorità giudiziaria. Trasportata all’ospedale di Frascati la donna è stata dimessa con una prognosi di venti giorni riportando un trauma contusivo al volto e agli arti superiori, escoriazioni multiple e diverse ferite, oltre che presentare un ematoma nella  regione sternale e un trauma cranico. Una storia di cui al momento non sono noti ulteriori elementi, ma il cui esito drammatico potrebbe far

Violenza tra le mura domestiche: minaccia di gettare la moglie dalla finestra
Un altro grave episodio di violenza tra le mura domestiche arriva da Roma. Qui un uomo ha aggredito la moglie minacciandola di lanciarla nel vuoto dal settimo piano del palazzo dove abitano, nel quartiere Aurelio. A mettere fine alle violenze uno dei due figli della coppia che ha chiesto aiuta alla nonna che ha chiamato le forze dell’ordine.