Ritrovato il bambino rapito dal padre a Padova, l’uomo “incastrato” dalle foto condivise sui social

0
Ritrovato il bambino rapito dal padre a Padova, l’uomo “incastrato” dalle foto condivise sui social.

Ritrovato il bambino rapito dal padre a Padova, l’uomo “incastrato” dalle foto condivise sui social. Sono state le tracce sui social lasciate dal padre, Bogdan Hristache, a permettere agli inquirenti di ritrovare l’uomo e il figlio di soli 5 anni rapito lo scorso martedì a Padova. I due sono stati fermati giovedì sera dalla Polizia di frontiera rumena. Erano a bordo di un treno in località Curtici, al confine con l’Ungheria.

Sono state le foto condivise sui social a incastrare Bogdan Hristache, l’uomo che lo scorso martedì ha rapito il figlio, di soli 5 anni, a Padova, sottraeondolo alla madre, prima di darsi alla fuga. La polizia è riuscito a rintracciarlo proprio grazie alle tracce che l’uomo ha lasciato sui social: fotografie del figlio pubblicate sul proprio profilo Facebook che hanno permesso agli investigatori di individuare i due che sono stati fermati giovedì sera dalla Polizia di frontiera rumena. Erano a bordo di un treno in località Curtici (importante nodo ferroviario di transito dei treni internazionali che collegano Romania ed Ungheria), al confine con l’Ungheria.

Poco prima Bogdan aveva pubblicato su Facebook foto del figlio, di soli 5 anni, prima a bordo di un treno, poi all’interno di un McDonald’s e infine in un giardino. Il bambino, fanno sapere gli investigatori, si trova ora in una località protetta ed è sotto protezione del giudice minorile, mentre il padre è in attesa di eventuali provvedimenti della polizia romena. Del caso si sono occupati i carabinieri di Padova che hanno fatto sapere di essere già in contatto con le autorità romene. La collaborazione tra le forze dell’ordine servirà agli investigatori italiani per acquisire tutta la documentazione relativa al caso, in particolare le modalità che hanno permesso alle forze dell’ordine romene di ritrovare il bambino insieme al padre a bordo di un treno. “Non potete giudicarmi perché amo il mio bambino e non l’ho lasciato”, il post condiviso sull’uomo sui social.

Il piccolo rapito vive con la mamma a Padova. Intorno alle 8:20 di martedì 5 ottobre era uscito con lei per andare a scuola quando mamma e figlio sono stati fermati da tre uomini scesi da un furgone nero. Due di loro hanno immobilizzato la madre e un terzo, che la mamma di David ha riconosciuto come il suo ex compagno e padre del bambino, ha preso il piccolo. Poi i tre sono scappati. Dopo la denuncia sono scattate le ricerche dei Carabinieri. A “Chi l’ha visto?” su Rai 3 la mamma Alexandra Moraru, 26enne rumena, aveva lanciato un appello rivolgendosi all’ex compagno: “Portami il bambino a casa, voglio sapere come sta. Lui ha bisogno di me e io di lui, per favore”.

 

Articolo PrecedenteAfghanistan, kamikaze in una moschea sciita a Kunduz: 60 morti e oltre cento feriti
Prossimo ArticoloRibera, picchia la ex moglie: i figli di 8 e 11 anni corrono dai carabinieri e lo fanno arrestare
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.