Ritrovata in Svizzera Mia Montemaggi, la bimba francese rapita: era con la mamma

0
Ritrovata in Svizzera con la madre la piccola Mia Montemaggi

Ritrovata in Svizzera con la madre la piccola Mia Montemaggi, la bambina francese rapita martedì scorso da 3 uomini per conto della madre. La bambina era – secondo BFM TV – in uno stabile occupato in compagnia della donna, Lola Montemaggi. La genitrice, per sentenza del tribunale, non poteva vedere da sola la figlia.

Dopo sei giorni di intense ricerche, Mia Montemaggi, la bambina francese di 8 anni rapita questo martedì nei Vosgi, è stata ritrovata oggi, 18 aprile, insieme al la madre in una casa in Svizzera. La conferma arriva dal pubblico ministero di Nancy, François Perain. Si trovavano nel comune di Sainte-Croix, nel cantone di Vaux. “Le indagini hanno permesso di accertare che Lola Montemaggi, la madre della bambina, aveva trascorso una prima notte in Svizzera in un hotel a Estavyer Le Lac, prima di essere stata accolta da una donna a Neufchatel, per poi trasferirsi in una abitazione privata Sainte-Croix ”, spiega François Perain in un comunicato stampa. E poi ha colto l’occasione per ringraziare “le autorità svizzere per questo straordinario investimento, che ha permesso di localizzare in brevissimo tempo la fuggitiva e sua figlia”. “Quasi duecento gendarmi sono intervenuti nell’ambito di questa inchiesta condotta dal 13 aprile”, ha detto il magistrato.

Lola Montemaggi si era rivolta a tre uomini per il rapimento
Secondo il pubblico ministero di Epinal, Nicolas Heitz, la madre della bambina, Lola Montemaggi, aveva programmato il rapimento reclutando quattro uomini probabilmente sul dark web. La donna aveva fatto rapire Mia mentre si trovava presso la nonna materna nel villaggio di Poulières, a una trentina di chilometri da Epinal. La banda aveva finto di essere un gruppo di rappresentanti per la tutela dell’infanzia per guadagnare la fiducia della nonna, per poi consegnare la piccola a sua madre circa 20 minuti dopo. Cinque uomini sospettati di essere i rapitori o di aver partecipato alla preparazione del sequestro sono stati arrestati e oggi dovranno comparire davanti al giudice istruttore, come scrive Le Parisien.

Alla madre era stato vietato di vedere la figlia da sola
La madre di Mia, che scomparsa dopo la sua sparizione, è stata sin dai primi istanti al centro delle indagini. Alla donna, 28 anni, era stato vietato di vedere la figlia da sola. In un’udienza davanti ad un giudice per i minorenni lo scorso 11 gennaio aveva “adottato un atteggiamento preoccupante”, dicendo di essere “malata, non voglio che nessuno interferisca nella sua vita o in quella della figlia sostenendo una posizione di rifiuto della vita in società”, aveva ricordato Heitz. Da allora non ha risposto a nessuna citazione in tribunale e ha manifestato “tendenze suicide” di fronte a Mia.

Articolo PrecedenteDonna 32enne trovata morta in casa ad Aosta con ferita alla gola, si indaga per omicidio
Prossimo Articolo“Mi diceva perché non muori?”, il racconto della madre del 19enne arrestato per omicidio a Casalecchio
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.