Rientra dal lavoro e trova la moglie morta, prende la pistola e si spara: è in fin di vita

0
Rientra dal lavoro e trova la moglie morta

Rientra dal lavoro. “Eleonora si è sparata, adesso lo faccio anche io”. Queste le parole che Luigino Ruzzante ha esclamato mentre era telefono con il fratello. Il 65enne aveva appena trovato la moglie morta. La tragedia poco dopo mezzogiorno. Ora l’uomo è in condizioni disperate all’ospedale di Rovigo.

Il corpo di una donna senza vita e quello di un uomo in condizioni disperate sono stati rinvenuti in un’abitazione di via Concilio Vaticano II 56, a Rovigo. Si tratta di Luigino Ruzzante, 65 anni, e della moglie Eleonora Pozzato, 59enne. Stando alle prime informazioni, si tratterebbe di una vera e propria tragedia familiare. Pare infatti che l’uomo al ritorno dal lavoro nella propria abitazione, verso le 12,30, abbia trovato la donna già morta e, chiamando disperato il fratello al telefono, sotto choc, abbia detto: “La faccio finita anch’io”.

A quel punto il 65enne si sarebbe sparato alla testa con la stessa arma, una pistola Beretta regolarmente detenuta, con cui la moglie qualche ora prima si era tolta la vita. Sul posto sono intervenute le squadre del 118. Ora Ruzzante è in condizioni disperate all’ospedale di Rovigo. Sia l’uomo che la donna sono stati trovati in camera da letto, nella villetta dove vivevano in zona San Bortolo, nel comune veneto. Nessun biglietto sarebbe stato lasciato a motivare l’estremo gesto della donna. La coppia non aveva figli. Sul posto anche la Polizia e la divisione Scientifica per delineare i contorni della drammatica vicenda. L’indagine è affidata al magistrato Sabrina Duò.

Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.678

 

Articolo PrecedentePozzolengo, è morto in ospedale il neonato rimasto coinvolto in un incidente
Prossimo ArticoloBolzano, dramma nel bosco: 17enne muore travolto da un tronco
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.