Resta in cella Daniela Poggiali, l’infermiera killer: “Totale assenza d’umanità”

0
Resta in cella Daniela Poggiali, l’infermiera killer.

Resta in cella Daniela Poggiali, l’infermiera killer. Carcere confermato per Daniela Poggiali, l’infermiera condannata per la morte di un anziano paziente e ritenuta responsabile di diverse ‘condotte omicidiarie’. La decisione è motivata dal rischio di reiterazione. Secondo i giudici l’infermiera di Giovecca sarebbe caratterizzata da una “totale assenza di umanità”. “Se libera – avvertono – i potrebbe fare del male a pazienti o a terzi”.

“Non è capace di autogoverno e conserva la più totale assenza di senso di umanità”. Resta in carcere Daniela Poggiali, l’ex infermiera condannata all’ergastolo, lo scorso 15 dicembre, per l’omicidio di Massimo Montanari. In attesa di sentenza definitiva, attraverso i suoi avvocati Lorenzo Valgimigli e Gaetano Insolera, Poggiali aveva chiesto ai giudici bolognesi di potere tornare libera.

Dal tribunale della Libertà di Bologna, ieri è arrivato il no, motivato, da quanto si legge nell’ordinanza, dal rischio che la donna possa rendersi colpevole “di condotte della stessa indole” anche al di fuori di un ospedale. Dotata di “versatilità criminale”, dimostrata da pregressi che rivelano la sua “propensione a condotte illegali”, come furti in corsia. Non solo. L’ex infermiera della Ausl potrebbe incorrere nuovamente in “espressioni di crudeltà verso pazienti o comunque verso terzi”. Poggiali, per i giudici “è una donna che bene sa scegliere come e quando portare a termine le sue intenzioni: e di specifiche occasioni, da libera, potrebbe averne ancora”.

I giudici parlano inoltre di “condotte omicidiare”, con riferimento, oltre alla morte del 94enne Montanari, anche a quella della 78enne Rosa Calderoni, la paziente per la cui morte la Poggiali era stata condannata in primo grado all’ergastolo, per poi vedersi assolta in due processi di appello e appello bis che la Cassazione ha annullato. Rosa Calderoni è deceduta per una somministrazione letale di potassio. Per questo reato, che la vede imputata ormai per la terza volta, Poggiali verrà nuovamente giudicata nei prossimi mesi.

Lo scorso 15 dicembre è invece arrivata la condanna a 30 anni al termine del processo di primo grado in rito abbreviato per la morte di Massimo Montanari, 94 anni, ex datore di lavoro del compagno della 48enne, deceduto il 12 marzo del 2014 a poche ore dalle sue dimissioni dall’ospedale di Lugo. Secondo la sentenza è stato ucciso premeditatamente con un’iniezione di potassio dall’infermiera Poggiali.

Articolo PrecedenteSecondo Galli (Sacco) il sistema delle zone a colori funziona molto poco“
Prossimo ArticoloTragedia a Lodi Vecchio, trovata morta una donna di 52 anni: era scomparsa da due giorni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.