Regno Unito, morto bimbo di 1 anno: aveva un trauma cranico, genitori adottivi arrestati

0
Regno Unito, morto bimbo di 1 anno: aveva un trauma cranico, genitori adottivi arrestati.

Regno Unito, morto bimbo di 1 anno: aveva un trauma cranico, genitori adottivi arrestati. Leiland Corkill è deceduto all’ospedale pediatrico Alder Hey di Liverpool il mese scorso. Un uomo e una donna di 34 e 37 anni sono state arrestati con l’accusa di omicidio in seguito alla morte del piccolo. Devono rispondere di omicidio, aggressione, maltrattamenti e negligenza. Critiche anche nei confronti dell’associazione che si è occupata dell’adozione.

Una coppia è stata arrestata in relazione all’omicidio del bambino che stava cercando di adottare. Leiland Corkill, un anno, è stato preso in cura subito dopo la sua nascita nel dicembre 2019. In seguito ha vissuto con i futuri genitori adottivi a Barrow-in-Furness, Regno Unito, ma il 6 gennaio è avvenuto il dramma: i paramedici sono stati chiamati nella proprietà dove il piccolo viveva dopo che il Leiland era stato vittima di un “grave infortunio”. Il piccolo è stato portato all’ospedale pediatrico Alder Hey di Liverpool con un grave trauma cranico, ma è morto il giorno successivo. Un uomo di 34 anni e una donna di 37 sono stati arrestati con l’accusa di omicidio, aggressione, maltrattamenti e negligenza, come confermato dalla polizia. Entrambi sono stati rilasciati su cauzione. Il sovrintendente capo del detective Dean Holden ha dichiarato: “Due persone sono state arrestate nell’ambito di un’indagine in corso sulla tragica morte di un bambino di un anno a Barrow. È in corso un’indagine da parte di un team dedicato di detective e altri specialisti al fine di stabilire le circostanze complete della morte in piena collaborazione con il medico legale”.

Secondo quanto accertato, la madre naturale di Leiland, Laura Corkill, 37 anni, ha visto regolarmente suo figlio mentre era in corso il processo di adozione. La sua nonna naturale, Yvonne Corkill, 57 anni, ha detto che sia lei che sua figlia erano al suo fianco quando è morto. È stato sepolto nella loro città natale di Whitehaven, in Cumbria. La nonna ha detto domenica al Sun: “È orribile. Era un ragazzino allegro e gioioso e non possiamo credere a quello che è successo. Ero lì quando è nato e ci sono stata alla fine. Non posso credere che tutto questo sia successo solo a un anno di distanza dalla sua nascita. È troppo da sopportare”.

Al momento del decesso di Leiland era sotto osservazione del Cumbria County Council, che era stato precedentemente criticato per la morte di Poppi Worthington, 13 mesi, nel dicembre 2012. Un’inchiesta ha scoperto che Poppi era stata abusata sessualmente da suo padre Paul Worthington, ma “gli errori dei servizi sociali e della polizia gli hanno evitato accuse in relazione alla sua morte”. John Readman, direttore esecutivo di People at Cumbria County Council, ha dichiarato in una dichiarazione: “Questo è un caso profondamente angosciante e i nostri pensieri sono con la famiglia del bambino. Possiamo confermare che era accudito dall’Amministrazione locale e al momento della sua morte era stato affidato a genitori adottivi. Il consiglio di contea, come parte del Cumbria Safeguarding Children Partnership, ha raccomandato che venga effettuato un riesame di salvaguardia completamente indipendente.”

Articolo PrecedenteIpotesi lockdown totale contro la variante inglese del Covid-19: cosa ne pensano gli esperti
Prossimo ArticoloCosa sappiamo dell’epidemia di ebola scoppiata in Guinea
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.