Ragazza trovata morta a Busto Arsizio, ipotesi suicidio: aveva subìto abusi dal compagno della madre

0

La ragazza di 19 anni trovata morta in un campo a Busto Arsizio si sarebbe suicidata ingerendo psicofarmaci. La giovane, che quando era ragazzina aveva subìto abusi sessuali dall’allora convivente della madre, avrebbe lasciato un biglietto in cui spiegava di voler “togliere il disturbo”. Né la madre né il suo fidanzato ne avevano però denunciato la scomparsa. Il decesso risalirebbe allo scorso 23 agosto: il cadavere in avanzato stato di decomposizione della giovane è stato trovato da un agricoltore due giorni fa.

Pesanti problemi famigliari alle spalle e abusi sessuali subìti diversi anni fa dall’allora convivente della madre. Il passato della ragazza trovata morta in un campo a Busto Arsizio, in provincia di Varese, ha aiutato gli investigatori della polizia di Stato bustocchi e di Varese a chiarire le circostanze del suo decesso. La ragazza, 19 anni, si sarebbe suicidata, probabilmente ingerendo alcuni psicofarmaci di cui fa uso il fidanzato. L’autopsia, eseguita questa mattina, non ha evidenziato traumi sul corpo della giovane, trovato due giorni fa da un agricoltore della zona in via Canale. Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione, segno che il decesso risaliva a diversi giorni prima della scoperta: forse il 23 agosto, data che campeggia su un biglietto che potrebbe aiutare a chiudere definitivamente il caso. Sul foglietto di carta, trovato in casa del fidanzato con cui la 19enne conviveva, la ragazza aveva scritto di voler “togliere il disturbo”.

Anche in passato la ragazza aveva tentato il suicidio
Tutto insomma lascia pensare che la 19enne si sia suicidata. Anche la modalità con cui la 19enne si sarebbe tolta la vita è significativa: già in passato infatti la giovane aveva tentato il suicidio nella stessa maniera, ossia ingerendo una quantità eccessiva di farmaci. Le indagini coordinate dal pubblico ministero Flavia Salvatore hanno portato alla luce una triste storia personale e famigliare, segnata all’età di 14-15 anni dagli abusi sessuali subìti dall’allora convivente della madre, un cittadino egiziano che era poi riuscito a fuggire nel suo Paese evitando l’arresto. La ragazza, di nazionalità romena, era cresciuta in Italia assieme alla madre, mentre il resto della famiglia era rimasto in Romania. Viveva assieme al fidanzato, un italiano, e lavorava in nero in un bar della zona. Nessuno, né la madre né il fidanzato, aveva denunciato la sua scomparsa, nemmeno in presenza di un biglietto così esplicito come quello scritto dalla 19enne: un grido di dolore, l’ultimo,  rimasto inascoltato.

 

Articolo PrecedenteIn vacanza a Cortina salva la vita a una donna praticandole il massaggio cardiaco per 40 minuti
Prossimo ArticoloLatte, riprende protesta pastori sardi
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.