Quargnento, esplosione in cascina in cui morirono tre vigili del fuco: coniugi condannati a 30 anni

0
Quargnento, esplosione in cascina in cui morirono tre vigili del fuco.

Quargnento, esplosione in cascina in cui morirono tre vigili del fuco. Giovanni Vincenti e la moglie Antonella Patrucco, la coppia di coniugi finita a processo con l’accusa di aver provocato lo scoppio nel cascinale di Quargnento, in provincia di Alessandria, costato la vita a tre vigili del fuoco, sono stati condannati a 30 anni di carcere per omicidio plurimo aggravato. È quanto aveva chiesto l”accusa secondo cui i due avrebbero provocato l’esplosione per incassare il premio assicurativo.

Sono stati condannati entrambi a 30 anni dal tribunale di Alessandria, per omicidio plurimo aggravato, Giovanni Vincenti e la moglie Antonella Patrucco, la coppia di coniugi finita a processo con l’accusa di aver provocato lo scoppio nel cascinale di Quargnento, in provincia di Alessandria. In quell’incendio, avvenuto nella notte tra il 4 e il 5 novembre 2019, morirono tre vigili del fuoco, Matteo Gastaldo, Marco Triches e Antonino Candido.

L’esplosione provocata per riscuotere il premio assicurativo

È stata dunque accolta la richiesta del pm che aveva proposto per entrambi una condanna a 30 anni per entrambi: secondo l’accusa l’esplosione che causò la morte dei tre vigili del fuoco fu provocata per determinare il crollo del cascinale di proprietà della donna così da poter riscuotere il premio assicurativo stipulato solo pochi mesi prima. “Ce l’abbiamo fatta dopo tanta sofferenza. Glielo dovevamo a questi ragazzi che hanno perso la vita per il lavoro che amavano – il commento Anna D’Apice, mamma di Marco Triches, uno dei vigili rimasti uccisi – speriamo che ora li facciano tutti. Avevo un figlio stupendo che era un bravo marito e un bravo padre e che viveva per il suo lavoro e me lo hanno tolto”. La donna come anche i famigliari degli altri due vigili del fuoco rimasti uccisi nel rogo erano presenti in aula al momento della lettura della sentenza.

Gli avvocati della coppia: È colpa gravissima ma non dolo
“Il problema di questo processo non era buoni da una parte e cattivi dall’altra, nessuno ha mai messo in dubbio che i vigili del fuoco sono buoni ma se Vincenti aveva previsto o voluto la morte di queste persone”, hanno replicato Lorenzo Repetti e Vittorio Spallasso, i legali di Giovanni Vincenti. “Useremo le prossime tappe processuali per sostenere in appello che è colpa gravissima e non dolo”, hanno aggiunto. “I dispositivi non si commentano attendiamo di leggere le motivazioni che hanno portato a questa decisione e poi decideremo cosa fare perché a tutt’oggi riteniamo impensabile accomunare le due posizioni”, ha invece commentato Caterina Brambilla avvocato di Antonella Patrucco.

I vigili del fuoco morti nell’incendio di Alessandria
Matteo Gastaldo, 47 anni, Marco Triches, 36 anni, e Antonio Candido, 32 anni erano i tre vigili del fuoco, tutti appartenenti al comando di Alessandria intervenuti nella notte in seguito all’esplosione di una cascina disabitata. A provocarne la morte la notte tra il 4 e il 5 novembre del 2019 fu la seconda deflagrazione, avvenuta quasi un’ora dopo, all’interno della cascina. I tre pompieri che erano intervenuti sul posto ed erano impegnati nelle operazioni di spegnimento dell’incendio provocato dalla prima esplosione ne rimasero travolti. Nel crollo, che travolse le squadre dei vigili del fuoco, lasciò feriti altri colleghi delle vittime, oltre ad un carabiniere.

Articolo PrecedenteFinta rapina per video sui social: vittima reagisce e uccide youtuber 20enne
Prossimo ArticoloDramma in Ohio, 27enne spara ai tre figli della compagna: due sono morti, il terzo è gravissimo
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.