Prato, Luana morta in fabbrica a 22 anni: mamma a 17 anni, lavorava per mantenere il figlio

0
Prato, Luana morta in fabbrica a 22 anni: mamma a 17 anni, lavorava per mantenere il figlio.

Prato, Luana morta in fabbrica a 22 anni: mamma a 17 anni, lavorava per mantenere il figlio. Luana D’Orazio era diventata mamma a 17 anni e da allora aveva fatto di tutto per mantenere con le sue forze il piccolo Domenico. Dopo una serie di lavori saltuari aveva accettato l’impiego da operaia nella piccola ditta tessile. La 22enne aveva una grande passione per il mondo del cinema e dello spettacolo: nel 2018 aveva partecipato come comparsa in un film di Leonardo Pieraccioni.

Lavorava da meno di un anno in una ditta di lavorazione tessile di Montemurlo, in provincia di Prato. Luana D’Orazio, giovane mamma 22enne, aveva accettato l’impiego da operaia per poter crescere suo figlio Diego, avuto a 17 anni. Luana aveva una gran voglia di indipendenza e di ricominciare con coraggio: la nascita del suo bambino aveva segnato un punto di svolta nella sua adolescenza, rendendola adulta a soli 22 anni. Aveva dimostrato di apprezzare il suo lavoro e affrontava ogni giorno con grande entusiasmo. La 22enne è stata uccisa dall’ingranaggio di una macchina nella giornata di ieri 3 maggio, durante il suo turno di lavoro.

La proprietaria dell’Orditura Luana è svenuta appena saputo dell’incidente. La 22enne, poi, era sempre stata apprezzata per la sua incredibile voglia di vivere e il suo impegno sul lavoro. Luana era per molti colleghi una figlia acquisita. Domenico, di soli cinque anni, è il nipote di un’intera azienda. Sconvolti da quanto accaduto gli ex compagni di scuola e tutti coloro che la conoscevano. La morte della ragazza appare ancora più surreale se guardano le stories del suo profilo Instagram: poche ore prima della tragedia postava le immagini di un pomeriggio con le amiche e video girati in auto, con la musica a tutto volume.

Gli amici della 22enne si stringono attorno al piccolo Domenico, al fratello e ai genitori, con i quali viveva a Le Querci, nella periferia di Pistoia. “Un giorno di dolore e di incredulità – ha dichiarato il sindaco Alessandro Tomasi -. La città si stringe attorno alla famiglia di Luana, morta mentre stava svolgendo il suo lavoro come ogni giorno. Il pensiero va a sua madre e a suo padre. Come loro siamo in attesa di ulteriori accertamenti da da parte degli inquirenti. Non ci sono parole per commentare quanto successo: eventi del genere suscitano una grande rabbia. Inaccettabile che ragazzi così giovani muoiano sul posto di lavoro”. Anche il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai, si è precipitato alle porte della ditta appena appresa la notizia. “Sono profondamente scosso – ha spiegato – e mi fa ancora più male sapere che questa ragazza era madre di un bambino così piccolo. Un pensiero che mi lascia sgomento”.

La passione per il cinema e per Leonardo Pieraccioni
Luana aveva una grande passione per il cinema e il mondo dello spettacolo. Nel 2018 aveva partecipato come comparsa in un film di Leonardo Pieraccioni. Sul suo profilo Instagram appare infatti una sezione completamente dedicata a lui. In evidenza le foto con il regista, con Claudia Pandolfi ed Eleonora Di Miele. Davanti alla tv Luana era riuscita a registrare il preciso instante in cui è apparsa dietro Mariasole Pollio, protagonista del film.

 

Articolo PrecedentePerché non raggiungeremo mai l’immunità di gregge (e non è una notizia così cattiva)
Prossimo ArticoloRicerca di lavoro: la parola chiave è aggiornarsi, soprattutto durante la crisi. Milano, 5 maggio 2021
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.