Povertà alimentare, una mamma: “A volte i miei figli mi chiedono perché il frigo è sempre vuoto”

0
Povertà alimentare, una mamma

Povertà alimentare, una mamma: “A volte i miei figli mi chiedono perché il frigo è sempre vuoto”. Con la crisi pandemica è aumentata la povertà alimentare. Questa colpisce soprattutto le donne: a rivelarlo è un’indagine svolta da ActionAid in collaborazione con Csv Milano. Il rapporto ha analizzato le condizioni in cui versano le famiglie nel territorio della città metropolitana di Milano. Mentre il capoluogo meneghino vive una ripresa economica, la provincia fatica a rialzarsi.

“Essere al limite significa non avere i soldi per andare a fare la spesa”: sono queste le parole pronunciate da Giuliana, mamma di tre figli che insieme ad altre donne è stata coinvolta nell’indagine di ActionAid “La fame non raccontata”. Dal rapporto – nato dalla collaborazione con CSV Milano – emerge come le donne siano i soggetti più colpiti dalla povertà alimentare in Italia soprattutto con l’inizio della pandemia da Covid-19. Dai loro racconti – in totale sono 53 voci – emerge un quadro drammatico, ma soprattutto un appello alle Istituzioni per garantire dignità e diritti fondamentali. L’indagine si concentra sul territorio di Milano e in particolare su quattro comuni della provincia (Corsico, Cinisello Balsamo, Baranzate, Rozzano): mentre il capoluogo meneghino è investito da una importante ripresa economica, l’area circostante fa fatica a rialzarsi.

La paura di perdere casa è più forte di quella di non avere cibo
Secondo il rapporto sono le donne le prime a saltare i pasti per consentire ai figli di mangiare e sono sempre loro a decidere di chiedere aiuto ai centri di ascolto facendo poi i conti con sentimenti come la vergogna: “Non ho mai raccontato che vengo qui – continua Giuliana -. Forse ad alcuni parenti stretti, ma non a tutti. Ho paura che non capiscano”. Oltre alla sua testimonianza, ActionAid ha raccolto quella di Patrizia: “La cosa che mi ha fatto scattare era proprio vedere tutti i giorni il frigo vuoto. E magari qualche volta i miei figli più grandi ogni tanto dicevano: ‘Ma queso frigo è sempre vuoto'”. E come Giuliana e Patrizia, c’è anche un’altra donna di origine straniera di Baranzate che racconta come spesso non abbia mangiato perché “preferivo che mangiassero loro, se avevo due uova le davo a loro e io non ne mangiavo”. La mancanza di cibo arriva a causa della difficoltà ad affrontare le altre spese: gran parte degli stipendi vengono utilizzati per pagare affitto e bollette e poi successivamente si pensa alla spesa. La paura di perdere casa è maggiore rispetto a quella del cibo.

Nel 2020 sono aumentate le richieste d’aiuto
Nella maggior parte dei casi si tratta di famiglie che prima ancora del Covid-19 avevano lavori che garantivano delle entrate minime. Entrate e spesso lavori che poi sono spariti con la crisi pandemica: oltre il 20 per cento ha infatti spiegato di aver perso il lavoro durante la pandemia o di aver visto diminuire le ore di lavoro. Nel 2020 le richieste d’aiuto sono aumentate del 95 per cento: l’anno precedente si erano fermate a 2.024 con 671 famiglie aiutate e l’anno successivo sono arrivate a toccare 3.957 richieste con 1151 famiglie. L’incremento ha messo in difficoltà gli stessi centri che, oltre a garantire gli aiuti alle famiglie in difficoltà, hanno dovuto garantire adeguate condizioni di sicurezza. Dall’analisi è poi emerso che mentre il 63 per cento degli intervistati ha richiesto l’intervento dei centri di assistenza prima della pandemia, il 37 per cento lo ha fatto durante la crisi pandemica.

Quali sono le famiglie più vulnerabili
Dall’analisi emerge inoltre che le famiglie più vulnerabili sono quelle straniere (il 60 per cento) a loro seguono quelle che devono assistere persone disabili. Roberto Sensi, Policy Advisor Global Inequality ActionAid Italia, spiega come la povertà alimentare comprometta il benessere psicofisico: “Il contrasto a questo fenomeno non può passare solamente attraverso misure di natura emergenziale come è stato per i buoni spesa erogati negli ultimi diciotto mesi. Servono politiche di contrasto più efficaci come, ad esempio, rafforzare gli interventi di sostegno al reddito in modo che garantiscano alle famiglie in difficoltà l’accesso a un cibo adeguato sotto il profilo socio-culturale e nutrizionale”.

Povertà alimentare, una mamma

Articolo PrecedenteOmicidio Stefano Leo, 30 anni per Mechaquat: disse di averlo ucciso perché “aveva un’aria felice”
Prossimo ArticoloPerché togliere l’assegno Inps alle persone con invalidità significa emarginarle dal lavoro
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.