Poliziotti le spezzano le vertebre del collo con il ginocchio: Victoria muore come George Floyd

0
Poliziotti le spezzano le vertebre del collo con il ginocchio.

Poliziotti le spezzano le vertebre del collo con il ginocchio. Quello di Victoria Salazar è un caso che riporta inesorabilmente alla mente la storia di George Floyd, l’afroamericano ucciso dagli agenti nel maggio dello scorso anno a Minneapolis. La donna, 36enne madre di due figlie, originaria di El Salvador, è morta durante un controllo a Tulum, in Messico: ha subito la frattura della colonna vertebrale. Quattro poliziotti sono stati sospesi.

Le autorità messicane stanno indagando sulla vicenda di una donna salvadoregna deceduta dopo che un agente di polizia si è inginocchiato su di lei durante un arresto. Una storia che riporta con la mente al caso di George Floyd. Proprio come accaduto per l’afroamericano, morto lo scorso 25 maggio a Minneapolis – il video dell’agente col ginocchio piantato sul collo del 46enne ha fatto il giro del mondo, in questi giorni si è aperto il processo nei confronti di Derek Chauvin – rischia di diventare virale il filmato registrato da un passante nella località turistica di Tulum, nello Yucatan, in cui si vede Victoria Salazar, 36 anni, inchiodata a terra da una poliziotta. I fatti sono avvenuti sabato 27 marzo. L’ufficiale della polizia municipale afferra una mano sinistra, mentre un ufficiale maschio si china per ammanettarla. Successivamente la prima agente mette la mano sul collo della Salazar e la preme contro l’asfalto mentre un altro poliziotto maschio osserva la scena.

Il video choc

Un altro filmato mostra un poliziotto appena arrivato che chiede a uno degli agenti arrestanti: “respira?”. L’agente risponde di scatto: “ora, ora, guarda che respira … ha mosso la bocca”. Il video del testimone mostra anche l’agente delle forze dell’ordine che tenta di spostare la donna, che sembra priva di sensi, prima che tre poliziotti la sollevino da terra per poi caricarla sul retro di un camioncino di pattuglia. Stando all’emittente Milenio Victoria Salazar era stata arrestata per condotta disordinata e ubriachezza molesta.

Come è morta Victoria Salazar
I quattro poliziotti sono stati sospesi e dovrebbero essere “arrestati nella giornata di oggi”, secondo Óscar Montes de Oca, il procuratore generale dello stato messicano di Quintana Roo. Il rapporto del medico legale “ha identificato una frattura nella parte superiore della colonna vertebrale prodotta dalla rottura della prima e della seconda vertebra, che ha causato la morte della vittima” ha spiegato Montes de Oca. E ha aggiunto “La polizia ha esagerato, il livello di forza utilizzato non era conforme alla resistenza della vittima. Sono state chiaramente violate le disposizioni della legge nazionale sull’uso della forza”.

Chi è la vittima
Alcune fonti hanno riferito a Milenio che Victoria Salazar, madre di due figlie, era emigrata in Messico e in seguito ha ricevuto un visto umanitario, che le ha permesso di rimanere nel Paese. “Sono sicuro che il governo messicano applicherà tutto il peso della legge ai responsabili”, ha scritto il presidente di El Salvador Nayib Bukele in un tweet pubblicato lunedì mattina. “Siamo nazioni fraterne, ci sono persone cattive ovunque, non dimentichiamolo. Le mie condoglianze alla famiglia di Victoria, in particolare alle sue due figlie, alle quali daremo tutto l’aiuto possibile”.

Articolo PrecedenteBari, sequestra e violenta per mesi una 21enne che resta incinta: la porta sigillata coi lucchetti
Prossimo ArticoloUsa, aggredisce una donna asiatica a calci: “Tu non appartieni a questo Paese”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.