Pistoia, pasticceria offre lavoro al misterioso “ladro” di dolci: “Tu dai una mano a noi e noi a te”

0
Pistoia, pasticceria offre lavoro al misterioso “ladro” di dolci.

Pistoia, pasticceria offre lavoro al misterioso “ladro” di dolci. Continuano le ricerche dell’uomo che pochi giorni fa ha rubato un vassoio di brioches da un bar di Pistoia e poi ha restituito i soldi, scusandosi perché aveva fame. Una pasticceria del posto ha offerto un posto di lavoro al “ladro” perché ritiene sia stato un gesto pieno di dignità e disperazione: “Se si presentasse, lui darebbe una mano a noi e noi a lui”.

Degustifood è la pasticceria di Pistoia che sta cercando l’uomo o la donna misteriosa che giorni fa ha rubato un vassoio di dolci da un bar della città toscana e poi ha restituito i soldi dentro a un biglietto con su scritto: “Mi scusi, avevo fame e non avevo soldi. Grazie”. L’azienda vuole offrire un lavoro e un po’ di tranquillità economica a chi è arrivato a fare un gesto disperato, perché, come dichiara un loro delegato: “Vorremmo aiutarlo, se è una persona che vale, fa parte del nostro gruppo”.

Dare un’opportunità a una persona di grande dignità
Cameriere, aiuto pasticcere, aiuto cuoco, personale di sala, banco e addetto ai laboratori. L’azienda Degustifood di Pistoia ha iniziato a cercare personale un po’ di tempo fa. Conoscendo molto bene Maurizio e Marco, i proprietari dell’Alibaba 2.0, il bar dove è avvenuto il furto di paste dolci, la pasticceria sta cercando il ladro per dare a una persona che considera di grande dignità, l’opportunità di fare un colloquio di lavoro. “Tanti avrebbero preso il vassoio e sarebbero scappati via senza restituire i soldi – ha dichiarato a Agnese Giannini di Degustifood – per noi sarebbe un piacere, se questa persona si facesse viva, fargli un colloquio e valutare se dargli un lavoro”. Marco Bartoletti, uno dei due soci che gestisce il bar del furto, ha fatto sapere che anche per loro si è trattato solo di un gesto disperato che non si sono sentiti di condannare. Le ricerche dell’uomo si sono fatte sempre più intricate, anche perché all’esterno dell’Alibabar 2.0 non ci sono telecamere che possano aiutare a identificare l’uomo.

L’appello: “Poteva capitare al nostro vicino di casa”
L’azienda pistoiese fa parte del Gruppo Valiani, lo stesso che possiede un bar storico nel centro della città e al momento è alla ricerca disperata dell’uomo che non aveva i soldi per mangiare. Questo l’appello che vogliono fare arrivare all’interessato: “Hai fatto un gesto disperato, ma poi hai restituito anche i soldi. Noi ti stiamo cercando e ci farebbe molto piacere poterti aiutare. Per la situazione in cui viviamo, poteva succedere a ognuno di noi, capitare al nostro vicino di casa”.

“Lui darebbe una mano a noi e noi a lui”
A prescindere dall’età dell’uomo o della donna che ha commesso questo gesto, Degustifood vorrebbe fargli un colloquio. I dipendenti di questa pasticceria sono ragazzi giovanissimi, appena usciti dalla scuola, oppure persone di 60 anni, che sono stati assegnati alla panetteria e si occupano delle cotture. “Se è una persona che ha fatto solo un gesto disperato, perché non aveva altro modo per mangiare, vorremmo aiutarlo. Storie così non ne avevamo mai sentite prima. Non facciamo distinzioni sui nostri dipendenti, non guardiamo l’età, il sesso, il colore, ma se è una persona che vale, fa parte del nostro gruppo”. L’uomo misterioso e affamato per Degustifood dovrebbe avere solo voglia di lavorare e imparare, perché un lavoro per lui nell’azienda di Pistoia c’è. “Se si presentasse – ha concluso Agnese Giannini – lui darebbe una mano a noi e noi a lui”.

Articolo PrecedenteLuca Carta dai Social alle Stelle un Hairstylist di successo
Prossimo ArticoloPolizia sgombera presidio No Green Pass al porto di Trieste con idranti: manganellate sui manifestanti
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.