Pescara, dorme nel letto della figlia minorenne e la stupra. La mamma assiste e non dice nulla

0
Pescara, dorme nel letto della figlia minorenne e la stupra

Pescara. I fatti sono avvenuti in un paesino della provincia di Pescara tra 2012 e il 2016. All’inizio per la bimba e la sua sorellina ciò che il padre le costringeva a subire era praticamente la normalità. Poi la piccola, crescendo, si è confidata con il suo fidanzatino e ha cominciato a capire. L’uomo è stato condannato a 11 anni di carcere. 4 anni e sei mesi per la madre che non ha mai mosso un dito per intervenire.

11 anni di carcere per per aver violentato le due figlie minorenni di 4 anni e 6 mesi di reclusione. Questa la condanna stabilita nei confronti di un 47enne per i fatti avvenuti in un paesino dell’entroterra di Pescara nel periodo compreso tra il 2012 e il 2016. Ma la giustizia ha fatto il suo corso anche per la madre 44enne delle bimbe, che avrebbe coperto per anni il marito: 4 anni e 6 mesi di reclusione nei confronti della donna. A riportarlo è il Messaggero: “I fatti si sono svolti in un clima familiare degradato e asfissiante. Non solo la madre, ma anche gli zii e i cugini sapevano. Tutti, però, con il proprio comportamento omertoso, diventato addirittura ostile e minaccioso quando la ragazza più grande ha iniziato a mostrare segni di insofferenza, hanno contribuito a disorientare le giovani vittime”. Per le piccole praticamente quanto avveniva in quella casa era la normalità. Poi, confrontandosi con un coetaneo, diventato il suo fidanzatino, la figlia maggiore ha cominciato a capire ciò che era stata costretta a subire per anni. A quel punto ne ha parlato anche con la nonna materna, e quest’ultima nell’agosto del 2017 ha denunciato tutto. Subito è scattata l’inchiesta, culminata nella formulazione delle accuse di violenza sessuale aggravata nei confronti di entrambi i genitori.

Quanto emerso nel corso del processo è davvero scioccante. Il padre dormiva sistematicamente nel letto con la figlia più grande, costringendola ad abusi sessuali. Anche la figlia più piccola è stata costretta, in diverse occasioni, a subire violenze dello stesso tipo. L’uomo, che in famiglia si mostrava “sistematicamente violento ed aduso a non tollerare rifiuti e frustrazioni”, imponeva le sue pratiche perverse “con condotta minacciosa”. Tutto ciò avveniva sotto gli occhi della madre, che non ha mai fatto nulla per opporsi. Come ricostruito dall’accusa, infatti, la donna “ha scelto deliberatamente” di tollerare le condotte del marito, “delle quali era a conoscenza”, sia in riferimento “all’anomala condivisione del letto con la figlia maggiore”, sia “per avere assistito in numerose occasioni” agli abusi del marito, sia per “essere stata esplicitamente informata” dalla figlia minorenne circa le condotte dell’uomo, “senza adottare alcuna azione a difesa della stessa” e dunque, di fatto, concorrendo alla violenza sessuale. In alcune occasioni, stando a quanto ricostruito, dopo avere assistito alle violenze sulle ragazzine, la donna si sarebbe messa a ridere dell’accaduto davanti alle piccole.

 

Articolo PrecedenteRoma, bimbo di un anno abbandonato nel passeggino da una ragazza incappucciata
Prossimo ArticoloMatera, trovato senza vita Giovanni Montesano: era scomparso da cinque giorni
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.