Pedopornografia online anche ai danni di neonati: 13 arrestati, tra cui un ufficiale della Finanza

0
Pedopornografia online anche ai danni di neonati.

Pedopornografia online anche ai danni di neonati. Una fitta rete di pedofili operava nel mondo del web e del dark-web. La Polizia di Palermo, coordinata con la Polizia postale, ha arrestato 13 soggetti e denunciato altri 21 per divulgazione, cessione e detenzione di materiale pedopornografico. Tra gli arrestati c’è anche un ufficiale della Guardia di Finanza.

Sono state arrestate 13 persone e altre 21 denunciate in tutta Italia, per sfruttamento sessuale dei minori online. Tra le vittime anche i neonati. Divulgazione, cessione e detenzione di materiale pedopornografico sono le accuse rivolte ai responsabili della vicenda, tra cui c’è anche un ufficiale della Guardia di Finanza. Oltre 250mila file sono stati sequestrati a persone di età, professione ed estrazione sociale diverse.

Una rete di pedofili online: laureati, lavoratori, finanzieri
Una vasta rete di persone, italiane e straniere, scambiavano video e foto aventi ad oggetto scene di sesso tra minori ed adulti, violenze sessuali e contenuti che ritraevano anche i neonati. Sono 13 le persone arrestate e 21 quelle denunciate in tutta Italia. Nascondevano circa 250mila file pedopornografici in provette e scatole per le medicine. Computer e altri dispositivi in possesso degli arrestati contenevano filmati e immagini che ritraevano bambini e adolescenti nell’atto sessuale o vittime di molestie. I profili dei soggetti coinvolti sono plurimi e variegati e, come dichiarato dagli agenti della Procura di Palermo, che hanno coordinato le indagini, ciò testimonia il fatto che questi reati possono coinvolgere soggetti di ogni estrazione sociale, età e professione: lavoratori autonomi, dipendenti, diplomati, laureati e anche un ufficiale della Guardia di Finanza.

Agenti sotto copertura si fingono orchi
Gli agenti della Polizia postale, anche sotto copertura, si sono finti orchi nel mondo del web e del dark-web per riuscire a entrare in contatto con le persone che detenevano e divulgavano materiale pedopornografico online. Il lavoro svolto in rete, è durato circa un anno e mezzo ed è stato supportato da pedinamenti e sopralluoghi in 13 diverse regione italiane. È stato così possibile risalire alle abitudini e alle modalità operative degli indagati, consentendo alla Polizia di svolgere le perquisizioni e poi gli arresti. Tutti i dispositivi ritrovati a casa dei 13 arrestati, sono stati controllati sul posto e non hanno lasciato alcun dubbio agli inquirenti: sfruttamento sessuale dei minori e arresto in flagranza di reato. Per altri 21 soggetti è scattata la denuncia a piede libero, per reati afferenti alla pedopornografia.

Arrestato anche un ufficiale della Guardia di Finanza
Tra i molti profili, spicca quello di un ufficiale della Guardia di Finanza, arrestato a gennaio, nel corso della stessa operazione. Si tratta di un 46enne, all’epoca in servizio a Cagliari da meno di due anni. Per l’uomo sono scattate le manette otto mesi fa, a seguito di una perquisizione nella sua abitazione. Gli agenti rintracciarono il suo nome, nell’ambito della ricostruzione della rete degli orchi online e scoprirono che effettivamente nel computer, tablet e telefonino dell’ufficiale delle Fiamme gialle, era contenuto un vero e proprio archivio di video e foto. Anche qui bambini e adolescenti, ritratti in scene di sesso con adulti, che l’uomo diffondeva in cambio di nuovi contributi. Al blitz parteciparono uomini della Polizia di Palermo e gli stessi militari della Guardia di Finanza. L’uomo, dall’epoca, è sospeso dal servizio.

 

Articolo PrecedenteChi era la madre uccisa a Cremona dal figlio in fuga: il corpo trovato dal marito
Prossimo ArticoloFino a quando sarà obbligatorio il green pass sul lavoro
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.