Un uomo armato è salito su un autobus di linea che collega le città di Niteroi e Rio de Janeiro attraversando il ponte della Baia di Guanabara e ha preso in ostaggio i passeggeri. In possesso di un’arma da fuoco e di benzina ha minacciato di dare fuoco al mezzo con tutti gli occupanti all’interno prima di essere ucciso dalla polizia.

Allarme massimo nella mattinata di martedì in Brasile dove un uomo  ha preso in ostaggio i passeggeri di un autobus di linea, minacciando di dare fuoco al mezzo con tutti gli occupanti all’interno prima di essere ucciso dalla polizia. L’episodio lungo il ponte che collega le città di Niteroi e Rio de Janeiro attraversando la Baia di Guanabara. Lo riferiscono i media locali, spiegando che il bus è stato fermato nel mezzo del ponte dove la circolazione del traffico è stata completamente interrotta dalle autorità su entrambe le corsie di marcia. Dopo l’allarme sul posto sono accorse numerose forze di polizia che hanno circondato ed evacuato l’area avviando le trattative con l’autore del gesto che però non si è voluto arrendere. L’episodio poco prima dell’alba di oggi, intorno alle 5:30 di martedì 20 agosto ora locale, intorno alle 10.30 italiane.

Sul posto è accorsa prima la polizia Stradale Federale ma poi anche la polizia militare e i reparti degli  agenti speciali. Secondo le prime informazioni, infatti, pare che l’uomo si sia identificato come un ufficiale di polizia militare ma la circostanza è stata negate dal governo di Rio. Il sequestratore è stato successivamente identificato come William Augusto do Nascimento. Secondo quanto riporta GloboNews citando un portavoce della Polizia Stradale Federale brasiliana, dopo le prime trattative l’uomo aveva rilasciato quattro ostaggi, tre donne e un uomo, ma ha continuato a minacciare di uccidere gli altri. Nelle sue mani a bordo del veicolo, per oltre quattro ore, sono rimaste altre 37 persone fino all’azione delle forze speciali che lo hanno freddato.

“Non era la migliore soluzione possibile, l’ideale era che tutti uscissero vivi, ma abbiamo preso questa decisione per salvare gli ostaggi” hanno spiegato le autorità locali, aggiungendo: “Nessun ostaggio è stato colpito, alcuni stanno ricevendo cure mediche e psicologiche dovute malori per quanto  accaduto ma nessuno richiede un ricovero infortunio”. Al momento non è chiaro quale erano state le richieste dell’uomo che era possesso di una pistola rivelatasi falsa, un coltello e della benzina.

La linea di autobus  interessata collega le due importante città brasiliane ed è frequenta ogni giorni da migliaia di persone. Sullo stesso ponte ogni giorno circolano circa 150mila veicoli. Le autorità locali hanno invitato i viaggiatori ad utilizzare il servizio di trasporto navale tramite traghetti per raggiungere le due rive.