Papà, mamma, bimba di 1 anno e cane morti durante un’escursione: “Forse uccisi da un’alga tossica”

0
Papà, mamma, bimba di 1 anno e cane morti durante un’escursione.

Papà, mamma, bimba di 1 anno e cane morti durante un’escursione. È avvolta dal mistero la morte di Jonathan Gerrish, trovato senza vita insieme alla moglie Ellen Chung, 31 anni, alla loro bambina di 1 anno, Muji, e al cane in un’area della Sierra National Forest in California conosciuta come Devil’s Gulch, dove stavano facendo una escursione. La polizia esclude che si sia trattato di omicidio. Tra le piste seguite quelle di un’alga tossica che si trova nel vicino fiume Merced.

Un’intera famiglia distrutta durante un’escursione per cause che restano ancora avvolte dal mistero. Sta facendo discutere negli Stati Uniti la vicenda di Jonathan Gerrish, ingegnere informatico di 45 anni e originario di Newcastle, trovato morto insieme alla moglie Ellen Chung, 31 anni, alla loro bambina di 1 anno, Muji, e al cane in un’area della Sierra National Forest in California conosciuta come Devil’s Gulch, dove stavano trascorrendo qualche ora di svago. La polizia al momento ha escluso la pista dell’omicidio ma le cause del decesso dei tre non sono chiare. Per questo si attendono i risultati degli esami tossicologici che dovrebbero arrivare nelle prossime ore e che potrebbero aiutare a far luce sulla vicenda, dal momento che l’autopsia non è riuscita a chiarire cosa sia successo. La portavoce dello sceriffo della contea di Mariposa, Kristie Mitchell, ha dichiarato a Fox News: “Ora che sono trascorsi cinque giorni non consideriamo più l’omicidio come causa di morte. Speriamo entro le prossime due settimane di riuscire ad avere le risposte che cerchiamo”.

Tutto è cominciato domenica scorsa, quando Jonathan ha deciso di fare un’escursione di un giorno con la famiglia. Tuttavia, quando la loro tata è arrivata a casa loro il giorno successivo per prendersi cura di Miju, nessuno ha risposto alla porta, facendo preoccupare gli amici. Subito dopo la scoperta dei cadaveri, avvenuta martedì, gli inquirenti avevano provato a collegare i quattro decessi a delle fughe di gas tossici rilasciati dalle miniere d’oro abbandonate che si trovano lungo il percorso naturalistico che stavano seguendo, senza però trovare riscontri. La polizia si è poi concentrata sull’ipotesi per cui a sterminare la famiglia potrebbe essere stata un'”alga tossica” che cresce nel vicino fiume Merced. Ma lo sceriffo Jeremy Briese ha dichiarato in conferenza stampa che “non può essere ancora confermata neanche questa ipotesi. In 20 anni che faccio questo lavoro non ho mai visto nulla di simile”. Intanto, il California State Water Resources Control Board sta ora analizzando di nuovo l’acqua del fiume per le tossine cianobatteriche, che possono formarsi nelle fioriture algali. Questo perché poco più di un mese fa, precisamente il 13 luglio, i funzionari della Sierra National Forest avevano pubblicato un avvertimento sulle “alte concentrazioni” di alghe che possono produrre “tossine estremamente pericolose che possono ammalare o uccidere persone e animali” nell’acqua del fiume Merced a Hites Cove.
Articolo PrecedenteTorino, spara alla ex e al nuovo compagno, poi fugge. Aggressore arrestato dopo 7 giorni
Prossimo ArticoloUccide la moglie e la figlia 15enne e poi si suicida, il procuratore: “Gesto vigliacco”
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.