Palermo: in gruppo entrano al supermercato, riempiono i carrelli e pretendono di non pagare

0
Palermo: in gruppo entrano al supermercato, riempiono i carrelli

Palermo. In gruppo sono entrati nel supermercato e avrebbero riempito i carrelli con prodotti di ogni tipo e infine si sarebbero diretti verso l’uscita pretendendo di non pagare affatto. Agli addetti del supermercato non è rimasto altro da fare che chiamare le polizia e carabinieri che sono accorsi in forze.

Sarebbero entrati nel supermercato in gruppo poi avrebbero riempito i carrelli con prodotti di ogni tipo e infine si sarebbero diretti verso l’uscita pretendendo di non pagare affatto. È quanto sarebbe accaduto nel pomeriggio di giovedì in un supermercato della grande distribuzione a Palermo. Come racconta il Giornale di Sicilia, i cassieri e gli altri addetti del supermercato sono stati costretti a chiamare le forze dell’ordine che sono accorse in forze visto che nell’episodio sarebbero coinvolte almeno una ventina di persone con relativi famigliari che erano all’esterno. Il caso ha riguardato il negozio Lidl di viale Regione Siciliana, nel capoluogo siciliano. Sul posto sono giunte diverse volanti dei carabinieri e della polizia di stato con il rinforzo di altri militari e agenti giunti coni furgoni che hanno cercato di ricondurre alla ragione i protagonisti della vicenda.

Il singolare episodio mentre la città siciliana è alle prese con l’emergenza coronavirus e le misure anti-contagio con file di persone in attesa fuori da tutti i negozi per fare la spesa. Nei giorni scorsi ad esempio è diventato virale un video girato nello stesso capoluogo all’esterno di un supermercato della medesima catena con lunghissime code che richiedevano anche un’ora di attesa per entrare. Secondo le prime notizie nella spiacevole vicenda sarebbero coinvolte alcune persone giunte appositamente presso il supermercato dall’hinterland di Palermo perché attratti da alcuni volantini e offerte che poi non sarebbero stati applicati.

 

Articolo PrecedenteCambia il modulo di autocertificazione: il nuovo pdf da scaricare e compilare
Prossimo ArticoloPisa. La sua auto si muove e la schiaccia, muore infermiera: stava andando in ospedale
Marco D'Angelo - Fotografo - Blogger - Social Influencer - Tecnico Informatico - Consulente Aziendale - Esperto in Marketing e Social Media Marketing. Progetti Passati e Presenti Nato con la passione per la musica e l'informatica. Studiato fino alla 3° Media per poi formarmi come autodidatta in marketing di cui ho 11 attestati, tra cui 1 master. Creatore del Team Renegades - Team Exas del Videogioco Hearthstone - ho portato il mio team a livello nazionale italiano, raggiungendo obbiettivi enorme in tempi brevi, il Team Renegades ha raggiunto sponsor come Redbull e Varie testate giornalistiche importanti ne hanno sempre parlato. Il Team Renegades si è poi evoluto in Team Exas, questo perchè abbiamo instaurato una collaborazione con uno dei locali più grandi del Gaming Estero. Arrivando cosi a collezionare 340 vittorie - di cui 300 primi posti e 40 secondi. Attualmente creatore di Limemagazine.eu inizialmente chiamata Multiassistenzaonline è iniziato come un Blog di informatica, per aiutare le persone sui social, e per riparare i problemi tecnici dei loro smarthphone raccogliendo cosi circa 40,000 contatti in meno di 3 mesi, per poi trasformare Multiassistenzaonline in Limemagazine.eu - ad oggi Agenzia di Marketing,News, e Webdesign che totalizza la bellezza di 180,000 lettori alla settimana e più di 40,000 contatti sui social 4 pagine facebook da 7,000 like in su una da 14,000 e 4 profili da 5,000 persone l'uno ad oggi Limemagazine.eu collabora in stetto contatto con : Google News, Virgilio, Tiscali, Ansa, Fanpage.it per le notizie, e Unconvetional Events per gli Eventi in Sardegna, Limemagazine.eu in 3 anni ha aperto varie sezioni tra cui LimeEventiSardegna - dove può vantare di aver 1,500 date importanti fatte con i propri fotografi all'interno di eventi importanti e collaborazioni come OLBIA TATTOO SHOW - GRANDE ARENA CAGLIARI - POETTO FEST - e tanti altri.